Lavori viadotto e adeguamento svincolo A10, assemblea pubblica a Orco Feglino - IVG.it
Disagi

Lavori viadotto e adeguamento svincolo A10, assemblea pubblica a Orco Feglino

Si terrà giovedì 29 luglio in Comune, il sindaco Barelli: "Auspichiamo interventi rapidi del concessionario"

Casello autostradale Orco Feglino

Orco Feglino. Inquinamento acustico legato ai lavori di manutenzione del viadotto “Aquila” e la necessità di adeguamento dello svincolo autostradale con la possibilità di entrare in A10 anche in direzione Savona-Genova: questi i due temi al centro dell’assemblea pubblica convocata dal sindaco Roberto Barelli, che si terrà giovedì 29 luglio, alle ore 21.00, presso il Comune.

All’incontro sono stati invitati rappresentanti istituzionali e associazioni di categoria socio-economiche.

“La situazione autostradale ligure vive un periodo particolarmente difficile, con enormi ripercussioni e disagi sui nostri concittadini e sulle attività economiche” sottolinea il sindaco Barelli.

“Ai problemi di carattere generale si aggiungono specificità locali, che rendono la comunità che rappresento particolarmente esposta a questi disagi, dunque desiderosa di adeguate risposte e atti concreti”. Il riferimento è all’intervento sul viadotto, nell’ambito del programma di manutenzioni: ora lo stop imposto ai cantieri determina un inquinamento acustico legato ai forti rumori determinati dal passaggio di camion e mezzi pesanti.

I lavori, infatti, riguardano i giunti: “Tra l’altro non si parla più delle barriere fonoassorbenti, che darebbero protezione rispetto all’attuale situazione e in generale ai transiti nel tratto autostradale” aggiunge il primo cittadino.

“Inoltre, non è stato inserito nel piano delle opere il possibile adeguamento dello svincolo in entrambe le direzioni: il casello è già presente, basterebbe realizzare una nuova rampa di accesso per l’entrata in autostrada anche in direzione levante”.

“Nelle molte giornate di caos autostradale abbiamo assistito a molti mezzi pesanti che uscivano a Feglino, senza la possibilità di rientrare: ecco così che camion e tir rimanevano bloccati lungo i collegamenti stradali ordinari, sulla strada provinciale, creando disagi su disagi”.

“Per questo l’assemblea pubblica vuole lanciare un messaggio al concessionario rispetto a questa doppia problematica e necessità di intervento” conclude.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.