Il Covid fa saltare (di nuovo) la Sagra del Nostralino e i "Birrai di Offenburg": "Scelta di prudenza" - IVG.it
Niente da fare

Il Covid fa saltare (di nuovo) la Sagra del Nostralino e i “Birrai di Offenburg”: “Scelta di prudenza”

Gli organizzatori: "Una scelta dettata dalla prudenza, per salvaguardare la salute sia dei tanti volontari, sia delle migliaia di visitatori"

Sagra del Nostralino 2019 Ranzi Pietra Ligure
Immagine di repertorio

Ranzi. “L’anno scorso ci eravamo lasciati convinti che nel 2021 saremmo tornati con ancor più determinazione, illusi che la pandemia fosse ai titoli di coda. E invece, l’attuale situazione sanitaria, se pur in netto, e speriamo definitivo, miglioramento, ci impone di annullare anche per quest’anno le edizioni della Sagra del Nostralino e de I Birrai di Offenburg”.

Lo fanno sapere, in una nota, dal consiglio direttivo del Circolo Giovane Ranzi.

“Una scelta – spiegano – dettata dalla prudenza, per salvaguardare la salute sia dei tanti volontari, sia delle migliaia di visitatori, in una fase in cui è ancora importante tenere alta la guardia, evitare assembramenti e rispettare il distanziamento interpersonale. E’ stata una decisione particolarmente sofferta, perché la voglia di ripartire è tanta e anche perché siamo consapevoli dell’importante ruolo sociale, culturale e turistico delle nostre manifestazioni e delle attività che svolgiamo grazie ai proventi delle stesse. Manifestazioni e attività che, tra l’altro, danno lavoro e sostengono decine di operatori commerciali, fornitori, professionisti e artisti. Il nostro primo pensiero pertanto va a loro e al centinaio di nostri collaboratori che, nostro malgrado, priveremo, anche quest’anno, dell’opportunità di essere protagonisti di eventi che, da sempre, vedono nella socializzazione, nell’impegno condiviso e nell’inclusione alcuni tra i loro valori caratterizzanti”.

Generico luglio 2021

“A tal proposito – proseguono gli organizzatori della celebre sagra – abbiamo letto con stupore le dichiarazioni a mezzo stampa di alcuni organizzatori di feste e sagre del comprensorio, che rischiano di alimentare polemiche strumentali, divisioni e contrapposizioni tra categorie che non ci appartengono. Ogni associazione ha la sua storia, le sue esigenze e i suoi problemi. Ogni manifestazione ha le sue caratteristiche e i suoi spazi. Salire sul piedistallo e dettare la propria linea a tutti, peraltro senza alcun confronto, è, a nostro avviso, perlomeno inopportuno”.

“Da oltre un secolo svolgiamo le nostre attività con buon senso e soprattutto nel pieno rispetto degli altri e delle regole. Abbiamo i nostri spazi attrezzati a cinque chilometri dal mare in mezzo ad un bosco, realizzati con l’impegno e il sacrificio di generazioni di ranzini e non solo. Riteniamo di non essere un problema per nessuno, anzi siamo convinti con orgoglio di essere una risorsa per il nostro territorio; promuovendone e salvaguardandone le tradizioni folkloristiche e gastronomiche , facciamo del nostro meglio per arricchirlo e valorizzarlo, con la stessa dignità di tanti altri operatori” concludono.

leggi anche
Sagra del Nostralino 2019 Ranzi Pietra Ligure
Panoramica
Via libera alle sagre, U Michettin: “Lo faremo”. La situazione delle feste savonesi
Sagralea 2019
Futuro nero
Niente fiere e sagre fino al 1 luglio, Fieristi pronti alla guerra: “Siamo alla fame, il Governo anticipi o protesteremo”
sagra nostrano ranzi
Dilemma
Palio dei Rioni, Gunbi, Cairo Medievale, Nostralino e non solo: l’estate “amletica” delle sagre savonesi

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.