Green pass: l'obbligo potrebbe scattare solo in zona gialla, ma è ancora scontro tra Stato e Regioni - IVG.it
Braccio di ferro

Green pass: l’obbligo potrebbe scattare solo in zona gialla, ma è ancora scontro tra Stato e Regioni

La proposta dei governatori: "Solo per le attività chiuse o soggette a limitazioni". Si discute anche sui nuovi parametri

Generica

Liguria. È un braccio di ferro tra Stato e Regioni sull’obbligo del green pass, che potrebbe scattare già da lunedì o dall’inizio di agosto, ma ancora non si riesce a trovare un accordo. Sia la cabina di regia politica che la Stato-Regioni sono infatti state rimandate, troppo divergenti per ora le opinioni dei vari partiti, anche all’interno della maggioranza. È stato, però, confermato il Consiglio dei ministri, si terrà nelle prossime ore con lo scopo di approvare il nuovo decreto.

Le Regioni hanno messo nero su bianco la loro richiesta: utilizzare il green pass solo “per permettere in sicurezza la ripresa di attività fino ad oggi non consentite o limitate”: eventi sportivi, concerti, discoteche, fiere e congressi. Dunque niente ristoranti, cinema, teatri, palestre, piscine, o almeno non in zona bianca.

In sostanza, se dovesse essere accolta questa proposta, il green pass per andare al ristorante scatterebbe solo dalla zona gialla in su. “Quando un’attività dovrebbe essere chiusa in ragione delle misure di contenimento del Covid, come una palestra, un ristorante, cerimonie e fiere, quell’attività resta aperta ma usufruibile con green pass”, spiega il presidente ligure Giovanni Toti a Radio24. “In pratica sostituire il tema delle chiusure con il green pass”, aggiunge il governatore.

“L’alternativa – ha rimarcato Toti, bersaglio di minacce e insulti sui social nelle scorse ore – non è tra il green pass e la libertà assoluta dei cittadini, ma tra il green pass e la chiusura in casa dei cittadini. È vero che esiste un diritto alla libertà, ma la mia libertà finisce dove comincia quella altrui. Non si può costringere un vaccinato a tornare ai tempi duri del lockdown“.

Posizione, quella delle Regioni, che Matteo Salvini appoggia: è una “proposta assolutamente equilibrata – dice il leader della Lega – se applicassimo il green pass da domani mattina come vuole qualche ultrà significherebbe impedire il lavoro, il diritto alla salute, il diritto allo studio, allo spostamento e alla vita ad almeno la metà della popolazione italiana”.

All’opposto c’è chi, come il ministro della Salute Roberto Speranza ed altri nella maggioranza, spinge per un uso ‘estensivo’ dei certificati. “L’obiettivo – spiega una fonte di governo – è avere un impianto solido che permetta una convivenza con la circolazione del virus in condizioni di sicurezza. Non si può chiedere un allentamento dei parametri e un utilizzo del green pass limitato e in tempi non ragionevoli”. Il certificato, dice il leader Dem Enrico Letta, “è essenziale” e serve un’applicazione “intelligente e scrupolosa, per essere tutti più liberi”.

Palazzo Chigi è in ogni caso orientato per un intervento immediato e deciso, mantenendo una certa gradualità nelle scelte: in sostanza, si lascerà il tempo di vaccinarsi a chi ancora non lo ha fatto, almeno con la prima dose, e contestualmente verranno fissate date certe e paletti chiari per l’utilizzo del pass il cui scopo, viene ribadito, è proprio quello di evitare chiusure che potrebbero scattare già nelle prossime settimane.

L’ipotesi che si sta facendo strada è dunque quella di partire da subito con l’obbligo del pass per tutta una serie di attività non essenziali e da settembre estenderlo a quelle essenziali. Già dalla settimana prossima o al più tardi all’inizio d’agosto per sedersi nei bar e nei ristoranti al chiuso potrebbe essere necessario avere il pass, ottenibile in questa prima fase con una sola dose (o con il certificato di guarigione o il tampone negativo), mentre nessun obbligo ci sarà per prendere il caffè al bancone. Le due dosi saranno invece necessarie per entrare in discoteca o per prendere treni, aerei e navi a lunga percorrenza.

Si discute anche sui parametri del monitoraggio. “È evidente a tutti, ma credo sia d’accordo anche il Governo, che non possiamo chiudere attività se gli ospedali restano vuoti come sono ora, perché in questo momento sta crescendo contagio un po’ ovunque ma la proiezione ospedaliera resta molto bassa anche nella mia regione: quello dev’essere primo parametro – dice Toti -. Su questo ritengo vi sia accordo col Governo anche se poi si discute sul numero dei ricoverati che devono far scattare misure di qualche genere”.

Al momento lo scenario sarebbe questo: si resta in zona bianca se l’occupazione delle terapie intensive non supera il 20% dei posti letto a disposizione e se quella dei reparti ordinari non supera il 30%. Questa è la proposta della Conferenza delle Regioni al governo in vista della revisione dei parametri del monitoraggio “in un’ottica – dice il presidente Massimiliano Fedriga – di collaborazione istituzionale”.

Più informazioni
leggi anche
toti nazista
Attacco durissimo
Green Pass, ora Toti dichiara guerra agli hater: “Denuncerò chi mi insulta e augura la morte”
green pass
Battaglia
Italexit Liguria: “Una raccolta firme per dire no al green pass obbligatorio”
bar albenga
Dibattito in corso
Green pass, solo una dose per ristoranti e bar al chiuso: l’ipotesi al vaglio del governo
sileri vaccino
Posizione
Obbligo vaccinale, Sileri: “Se non si raggiungesse l’80% di copertura, potrebbe essere necessario”
green pass cellulare
"ricatto di stato"
Italexit lancia i “no green pass day”: nel savonese banchetti per firmare la petizione
vaccino covid
Esclusi
Green pass, strada in salita per gli allergici: in Liguria oltre duemila attendono ancora il vaccino

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.