Commento

Dimissioni di Bettina Bolla a Varazze, Pierfederici: “Il senso di responsabilità avrebbe dovuto prevalere a due mesi dalla scadenza”

"L'amministrazione è una cosa seria fatta di scelte spesso difficili, sacrificio anche personale ed appartenenza per il solo interesse della città"

luigi pierfederici

Varazze. Il vice sindaco di Varazze, Luigi Pierfederici Luigi, interviene in merito alla decisione di Bettina Bolla di dimettersi dalla carica di assessore comunale.

“Innanzitutto ringrazio l’ex assessore Bolla per il lavoro svolto in questi anni con ‘Essere Varazze’ – commenta Pierfederici – Con vero dispiacere ho appreso stamane dalla stessa la volontà di rassegnare le dimissioni dal ruolo ricoperto e ciò non tanto per eventuali strumentalizzazioni elettorali, considerando anche la manifestata volontà della Bolla di non fare parte della prossima tornata elettorale, né con ‘Essere Varazze’ né con altre compagini, ma per il momento delicato che stiamo attraversando. Infatti, e questo mio pensiero è frutto della responsabilità che sento amministrando la mia città, credo fortemente nel rispetto del ruolo istituzionale e dei doveri che da esso ne derivano”.

“Sono sicuro, comunque, che l’ormai ex assessore abbia ben ponderato la sua scelta anche in considerazione delle difficoltà operative dell’ufficio da lei gestito ritenendo corretto anteporre le proprie visioni ai problemi veri della nostra città, in piena stagione estiva, in tempo di Covid, tra l’altro, con l’introduzione a breve del green pass elemento sicuramente quest’ultimo non di poco conto nella realizzazione degli eventi. Le diverse visioni sono assolutamente legittime e comprensibili ma il senso istituzionale e la responsabilità del ruolo assessorile, specie a due mesi dalla tornata elettorale e quindi ormai prossimi alla fine del mandato, dovrebbero avere la priorità per chi svolge un ruolo di governo di una città, tra l’altro nella situazione contingente, e ciò non solo nel rispetto dei propri elettori ma di tutta la città oltre che degli operatori turistici e degli ospiti. Resta tra l’altro difficile comprendere come una ‘insanabile diversità di visione sul futuro di Varazze’ possa essere motivo di dimissioni da parte di chi non abbia intenzione di candidarsi alle prossime elezioni senza legittimamente far pensare che questo, in realtà, possa essere il preludio a differenti scenari futuri”.

“Infine va sottolineato come l’azione politica di un’amministrazione parta da un programma chiaro e definito rispetto al quale la città è stata chiamata ad esprimersi e grazie alla quale anche l’ex assessore Bolla ha trovato modo di poter sedere nei banchi del consiglio comunale oltre che della giunta. Le proposte in chiave turistica avanzate dall’ex assessore hanno sempre trovato l’approvazione da parte del resto dell’amministrazione, ed i risultati elencati dalla stessa ne sono la riprova, con il giusto e doveroso anche serrato confronto tra i suoi componenti al pari di ogni altra scelta che un’amministrazione consapevole ha il compito di prendere”.

“L’amministrazione è una cosa seria fatta di scelte spesso difficili, sacrificio anche personale ed appartenenza per il solo interesse della città soprattutto nella situazione attuale dove le priorità e le attenzioni non possono essere le medesime di una condizione ordinaria – nota ancora il vice sindaco – Se così non fosse importanti risorse che normalmente l’Amministrazione impiegherebbe anche per finalità turistiche, e non solo, non sarebbero state indirizzate nei sostegni Covid alle famiglie con contributi diretti, per i buoni alimentari, nelle agevolazioni negli affitti, o ancora per sostenere l’instancabile lavoro di protezione civile, croce rossa o delle altre associazioni di assistenza e volontariato presenti sul territorio. La visione diversa della città, probabilmente, passa anche per la consapevolezza dell’importanza di fare scelte come queste”, termina Pierfederici.

leggi anche
bettina bolla balneari
Colpo di scena
Varazze, Bolla si dimette da consigliere comunale: “Insanabile diversità di visione sul futuro della città”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.