Da Savona ad Albenga, lunedì di cortei e proteste in provincia: sciopero Tpl e di LaerH - IVG.it
Doppia mobilitazione

Da Savona ad Albenga, lunedì di cortei e proteste in provincia: sciopero Tpl e di LaerH

Domani, 19 luglio, mattinata di proteste sindacali nel savonese

Savona/Albenga. Un lunedì 19 luglio caratterizzato da una doppia protesta sindacale nel savonese, con tanto di scioperi e cortei a Savona e ad Albenga.

A Savona ci sarà quello dei lavoratori di Tpl Linea: le organizzazioni sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisa e la Rsu TPL Linea Savona hanno proclamato uno sciopero di 24 ore di tutto il personale dell’azienda di trasporto savonese.

Il personale viaggiante incrocerà le braccia da inizio servizio fino alle 5, dalle 8.30 alle 17.30 e dalle 20 a fine servizio. Il personale degli impianti fissi resterà fermo tutto il turno, cioè per l’intera giornata; il personale esentato rispetterà gli accordi vigenti.

Previsto anche un presidio di lavoratori e sindacati davanti al Comune di Savona. Il personale chiederà di essere ricevuto in municipio. L’azienda di trasporti savonese, infine, si è scusata con i clienti per i disservizi che saranno causati dalla protesta.

Tra le rivendicazioni: la regolamentazione sulla formazione dei turni di guida per evitare le soste non retribuite; regolamentazione dell’uso dello straordinario provvedendo a ristabilire corretti livelli occupazionali; abolizione del ricatto delle doppie residenze lavorative per evitare di riconoscere l’indennità di trasferta ai conducenti; ripristino di un deposito con strutture di lavaggio e rifornimento nella base di Finale Ligure; regolamentazione e giusta indennità per gestione sistema Avl; riconoscimento di un premio di produzione ai lavoratori visto il consistente utile di bilancio raggiunto nell’anno 2020; riconoscimento indennità mancanti sulle giornate di ferie 8-il proseguimento delle trattative in forma unitaria per rafforzare la rappresentatività delle varie anime sindacali presenti in Tpl Linea.

L’astensione dal lavoro del personale di TPL Linea è stato contestato dall’azienda.

Ad Albenga, invece, dalle ore 9 e 30 corteo dei lavoratori LaerH dal ponte Rosso fino al Comune: nuovo sciopero per l’intera giornata.

“LaerH non è una semplice aziende dell’indotto Piaggio Aerospace bensì un suo fornitore strategico e come dalla soluzione della vertenza Piaggio passi anche quella di LaerH” hanno affermato i sindacati di categoria.

“Le prospettive si stanno facendo sempre più preoccupanti. I carichi di lavoro sono ad oggi limitati quasi esclusivamente al reparto montaggio (con quindi più della metà dei lavoratori in cassa integrazione) e, se si eccettuano le attività attualmente svolte per Piaggio, non c’è di fatto altro lavoro. La crisi del settore determinata dalla pandemia completa un quadro che si sta facendo sempre più drammatico”.

“E’ dalla fine del 2018, ossia dall’avvio dell’amministrazione straordinario in Piaggio, che i lavoratori stanno subendo pesantemente l’utilizzo degli ammortizzatori sociali ed il rischio, con la fine della cassa integrazione con causale Covid, è che dopo queste ulteriori 13 settimane, quindi a fine settembre, i lavoratori rimangano senza lavoro e senza ammortizzatori sociali, il che significa prospettiva di licenziamenti”.

“Un tale esito sarebbe inaccettabile e sancirebbe una sconfitta per tutti, a cominciare dalle istituzioni che devono essere garanti degli accordi sottoscritti, accordi che dovevano rilanciare una azienda strategica come Piaggio ed attirare nuove realtà produttive nel territorio generando nuova occupazione”.

“L’unica soluzione nell’immediato è data dalla possibilità di una commessa da Piaggio per ulteriori velivoli P180 destinati alle forze armate per cui non è però ancora arrivata l’approvazione del Ministero della Difesa e del Governo”.

Al presidio saranno presenti i delegati dello stabilimento Piaggio Aerospace di Villanova d’Albenga che porteranno la solidarietà dei lavoratori Piaggio, i quali a loro volta stanno attendono che la definizione dell’iter di vendita dell’azienda, rispetto al quale non c’è stato ad oggi alcun nostro coinvolgimento da parte del Ministero dello Sviluppo Economico.

leggi anche
Sciopero e presidio in piazza Sisto Tpl
Manifestazione
Tpl Linea, i lavoratori scendono in piazza: “Ora risposte veloci o le reazioni saranno feroci”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.