Controlli della Polizia ad Alassio: due denunce ed un locale chiuso per 9 giorni - IVG.it
Sul territorio

Controlli della Polizia ad Alassio: due denunce ed un locale chiuso per 9 giorni

L'operazione ha interessato le aree litoranee, le vie di collegamento, il centro storico e le zone limitrofe alle stazioni ferroviarie e alle principali fermate dei mezzi pubblici

Polizia di Stato notte generica

Alassio. Ieri sera la Polizia di Stato ha realizzato un servizio straordinario di prevenzione al quale hanno preso parte i poliziotti del commissariato pubblica sicurezza di Alassio e del Reparto Prevenzione Crimine “Liguria”, specializzati in controllo del territorio.

Il servizio ha interessato la zona di Alassio, in particolare le aree litoranee, le vie di collegamento, il centro storico e le zone limitrofe alle stazioni ferroviarie e alle principali fermate dei mezzi pubblici.

Sono state identificate oltre cinquanta persone e controllati numerosi veicoli.

Durante i controlli i poliziotti hanno denunciato in stato di libertà un diciannovenne che, fermato per un controllo, è stato trovato in possesso ingiustificato di un coltello.

Inoltre è stato denunciato in stato di libertà un cittadino egiziano di 25 anni poiché durante il controllo ha dichiarato false generalità per evitare di essere identificato.

Infine è stato segnalato amministrativamente (ai sensi dell’articolo 75 309/90) un cittadino rumeno in quanto trovato in possesso di circa 6 grammi di hashish.

Durante il servizio di prevenzione inoltre è stato notificato al titolare di un bar-ristorante di Alassio un decreto (emesso dal questore ai sensi dell’articolo 100 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza) con il quale è stata sospesa la licenza per nove giorni.

Sempre i poliziotti delle volanti di Alassio nella giornata di ieri hanno segnalato amministrativamente un cittadino marocchino di 21 anni per ubriachezza.

Lo stesso è stato fermato in evidente stato di alterazione nei pressi della stazione ferroviaria e, viste le sue condizioni, è stato necessario il trasporto in ospedale.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.