Borghi più Belli d'Italia, all'assemblea nazionale presenti Laigueglia, Millesimo, Zuccarello, Castelbianco e Castelvecchio - IVG.it
Incontro

Borghi più Belli d’Italia, all’assemblea nazionale presenti Laigueglia, Millesimo, Zuccarello, Castelbianco e Castelvecchio

Si è fatto un report sul turismo e si è discusso di progetti futuri

Castelvecchio di Rocca Barbena panorama

Laigueglia/Millesimo/Zuccarello/Castelbianco/Castelvecchio. Si è svolta il 9 e il 10 luglio a San Martino in Campo, frazione di Perugia, la XXI Assemblea nazionale dei Borghi più Belli d’Italia, oltre 200 comuni da tutto il territorio nazionale hanno partecipato all’evento. Presenti anche per la provincia di Savona Laigueglia, Millesimo, Zuccarello, Castelbianco e Castelvecchio.

L’Associazione dei Borghi più belli d’Italia è nata nel marzo 2001 con l’obiettivo di valorizzare il patrimonio storico, artistico, culturale e ambientale dei piccoli centri con popolazione inferiore ai 15mila abitanti.

Durante i lavori dell’Assemblea si è parlato dell’attività dell’associazione, si è fatto un report sul turismo e si è discusso di progetti futuri, in particolare come far ripartire il turismo e le attività culturali in questi piccoli centri che, seppur a volte ingiustamente emarginati dai flussi turistici, rappresentano un elemento di grande ricchezza e valore per l’intero patrimonio nazionale.

La pandemia ha fatto inoltre riscoprire a molti l’interesse per i borghi, spesso immersi nel verde e nella calma. “I Borghi più Belli d’Italia sono una grande opportunità per il sistema paese perché puntano sulla qualità, sull’innovazione e sullo spirito di squadra. Per questo costituiscono una realtà di eccellenza a livello non solo italiano ma anche europeo”, ha commentato il presidente del Consiglio nazionale dell’Associazione nazionale dei comuni italiani Enzo Bianco. Durante l’Assemblea è stato approvato il nuovo statuto.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.