Numeri

Artigianato ligure in recupero nel secondo trimestre 2021: a Savona saldo positivo tra aperture e chiusure con +41 nuove attività

Grasso (Confartigianato): "Risultati incoraggianti, ma è presto per parlare di un ritorno alla normalità pre-Covid. Fondamentale accelerare ora su riforme e azioni per la ripartenza"

artigianato Confartigianato generica

Liguria. Recupera l’artigianato ligure nel secondo trimestre dell’anno. Tra aprile e giugno 2021, secondo gli ultimi dati Infocamere-Movimprese, elaborati da Confartigianato, il saldo tra aperture (764) e chiusure di attività (523) è positivo di 241 microimprese (+0,5%). A fine marzo 2021 l’andamento era negativo di quasi lo 0,2%. Nel complesso in Liguria, oggi, le microimprese artigiane attive raggiungono le 43.096 unità.

Anche a livello nazionale la curva del settore artigiano risale nel trimestre, con un +0,4%: 21.722 le aperture e 16.682 le chiusure su 1.284.272 realtà totali in Italia.

Uno sguardo ai principali settori di attività artigiana: situazione pressoché invariata nel manifatturiero ligure, che conta all’attivo 6.879 micromprese, con 88 aperture e 80 chiusure nel trimestre. Segno positivo nell’edilizia, con 20.978 microimprese totali: 433 le nuove aperture e 276 le chiusure, con un saldo positivo dello 0,7%.

La situazione nelle province: tra aprile e giugno a Genova, in totale 21.993 microimprese artigiane attive, aprono 398 realtà e ne chiudono 277 (+0,5%). Pressoché invariato il manifatturiero, 3.575 microimprese con 41 aperture e 43 chiusure, mentre l’edilizia, 10.487 microimprese totali in provincia, registra un saldo positivo (+0,6%) tra aperture (223) e chiusure di attività (153).

A Savona sono 8.666 le microimprese attive. Sono 152 le nuove aperture nel secondo trimestre, 111 le chiusure (+0,47%). In lieve crescita il manifatturiero, 1.348 microimprese all’attivo, 26 aperture e 18 chiusure nel secondo trimestre, +0,6%. Per quello che riguarda l’edilizia, si contano 83 aperture e 60 chiusure, su 4.385 realtà attive (+0,5%).

A Imperia l’artigianato conta 7.209 microimprese attive: 126 nuove iscrizioni e 80 cessazioni d’attività (+0,6%). Manifatturiero pressoché invariato con 981 microimprese totali, 11 aperture e 8 chiusure. Le costruzioni chiudono il secondo trimestre a quota 3.927 microimprese, 79 aperture e 44 chiusure (+0,89%).

Guardando infine la provincia della Spezia, le imprese artigiane attive a fine giugno sono 5.228, il saldo tra nuove aperture (88) e chiusure (55) è positivo, con un trend trimestrale pari a +0,6%. L’edilizia conta 2.179 realtà, 48 nuove aperture e 19 chiusure, +1,33%. Cambia poco nel manifatturiero: 975 microimprese attive, con 10 iscrizioni e 11 cessazioni di attività.

“Numeri incoraggianti che ci mostrano un settore in recupero rispetto a fine 2020 e inizio 2021, ma è presto per parlare di un ritorno alla normalità pre-Covid – è il commento di Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – è ora fondamentale accelerare su tutte le azioni e le riforme a supporto della ripartenza delle nostre microimprese: parliamo di accesso al credito, con le risorse della cassa artigiana, e di tutte le opportunità di investimento e crescita che arriveranno grazie ai prossimi fondi europei e a quelli del Pnrr. Senza perdere di vista il controllo della pandemia, perché non possiamo permetterci nei prossimi mesi nuove chiusure”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.