Alassio, dal ripascimento al riconoscimento: la famiglia Cucco consegna al sindaco la Forcola di Bragozzo - IVG.it
Dono

Alassio, dal ripascimento al riconoscimento: la famiglia Cucco consegna al sindaco la Forcola di Bragozzo

Il simbolo della laguna e dalla città di Chioggia, da cui discende la famiglia che ha curato i lavori sul litorale alassino

Luciano Cucco e Marco Melgrati

Alassio. Luciano Cucco consegna al sindaco Marco Melgrati la Forcola di Bragozzo, il simbolo della laguna e dalla città di Chioggia, da cui discende la famiglia che ha curato il ripascimento del litorale alassino.

Una storia, quella della famiglia Boscolo Cucco, che inizia intorno al 1870 a Chioggia, con un burchio di venticinque metri che svolgeva attività di trasporto misto, da quello dei prodotti agricoli a quello della sabbia, dei mattoni e delle macerie, in quell’ambiente particolarissimo che è la laguna veneta. Una storia che recentemente si è intrecciata alle vicende alassine: “abbiamo ancora tutti negli occhi lo skyline della Gino Cucco impegnata per mesi nella Baia di Alassio nell’opera di dragaggio dei fondali al largo della Cappelletta e di ripascimento lungo tutto il litorale”, afferma il primo cittadino.

E poi aggiunge: “E’ stato un lavoro immane che ha non solo consentito alla città di affrontare la stagione estiva con ritrovata fiducia, ma ha messo il primo fondamentale tassello per la difesa del litorale alassino dalle aggressioni del mare”.

Il rapporto tra la Città del Muretto e la Dragaggi Srl è stato quindi qualcosa di più di un semplice affidamento di incarico. Prova ne sia il gesto compiuto in questi giorni dallo stesso Luciano Cucco: il dono della Forcola di Bragozzo al Comune di Alassio.

“Forcola è un termine marinaresco in dialetto veneto – spiegano dalla famiglia Cucco – che possiamo tradurre con ‘scalmo’ ed tipica delle imbarcazione da pesca nella laguna e nel Mar Adriatico, veniva utilizzata per la voga in piedi dell’imbarcazione”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.