Come volevasi dimostrare

Vaccino Covid, più che raddoppiate le prenotazioni over 60 in Liguria: è l’effetto Pfizer e Moderna

La possibilità di scegliere il vaccino convince anche gli scettici. Toti: "AstraZeneca ai giovani? Di fronte al parere di Ema il mio conta poco"

vaccino covid

Regione. Prenotazioni giornaliere del vaccino anti-Covid da parte della fascia 60-79 anni in Liguria più che raddoppiate. È l’effetto della possibilità di scegliere Pfizer e Moderna – e non più solo AstraZeneca e Johnson & Johnson, raccomandati per queste fascia d’età – che da oggi è stata attivata per tutti i liguri, compresi i residenti in Asl 3 che da soli rappresentano quasi la metà dell’intera popolazione residente.

I numeri parlano chiaro: dalle 18.00 di ieri alle 18.00 di oggi (mercoledì 9 giugno) si sono prenotate nella fascia 60-64 anni 434 persone, nella fascia 65-69 anni 401 persone, nella fascia 70-74 anni 123 persone, nella fascia 75-79 anni 88 persone. In totale 1.046 prenotazioni, quasi tutte con Pfizer o Moderna. Per fare un raffronto, basti pensare che venerdì scorso in queste fasce anagrafiche avevano preso appuntamento circa 400 utenti, la maggior parte con AstraZeneca.

Per quanto riguarda l’Asl 3, la possibilità di prenotare Pfizer e Moderna è stata attivata gradualmente: prima tramite numero verde, poi attraverso le farmacie, adesso anche su prenotavaccino.regione.liguria.it. Si possono selezionare tutti i centri di vaccinazione eccetto l’hub della Fiera che ha bisogno di qualche ora in più per riprogrammare le agende. Ma tutti gli altri punti (farmacie, distretti Asl, ospedali) sono ormai ampiamente riforniti di vaccini a mRna e quindi sono in grado di sostenere le richieste degli over 60 che fino a pochi giorni fa non avevano alcuna scelta.

Se da un lato c’è la corsa a Pfizer e Moderna, dall’altro fioccano le disdette per AstraZeneca, a maggior ragione dopo i due casi di trombosi al San Martino: una 18enne di Sestri Levante in coma e una 34enne savonese finita oggi in terapia intensiva. Nonostante questo, e nonostante l’avvertimento di Franco Locatelli, membro del comitato tecnico scientifico, che ha invitato a una “riflessione” dopo gli episodi registrati a Genova, i maggiorenni liguri possono sempre aderire alla linea di prenotazione volontaria per vaccini a vettore virale (compreso anche Johnson & Johnson).

“Non ho nessuna competenza diretta, né per studio né per vita, per dire che cosa bisogna fare realmente coi vaccini – ha commentato sul tema il presidente Giovanni Toti -. Io mi attengo a quelle che sono le indicazioni dell’Iss, del comitato tecnico scientifico e della struttura commissariale che ci dicono che quel vaccino è preferibilmente utilizzabile (sugli over 60, ndr) ma è autorizzato da Ema, che è la prima agenzia di regolazione del farmaco, per tutte le età dai 18 in poi. Di fronte al parere di Ema il parere di Toti conta piuttosto poco”.

Intanto alle ore 23.00 via alle prenotazioni sulla piattaforma prenotavaccino.regione.liguria.it per la fascia d’età tra 25-29 mentre da giovedì sarà possibile prenotare attraverso tutti gli canali (farmacie abilitate al servizio Cup, sportelli Cup di Asl e ospedali). Da domani sera, con le stesse modalità, potranno prenotare anche i 18-24enni. Sono invece 7.650 le prenotazioni effettuate per la fascia 30-34 partita ieri sera.

leggi anche
Generica
Calma
Astrazeneca, Tosi (M5S): “Stoppiamo gli Astraday e la somministrazione agli under 50 anni”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.