Trombosi cerebrale dopo Astrazeneca, non ce l'ha fatta la 18enne di Genova - IVG.it
Tragedia

Trombosi cerebrale dopo Astrazeneca, non ce l’ha fatta la 18enne di Genova

La ragazza aveva ricevuto la prima dose il 25 maggio. In Liguria è il secondo decesso di una giovane legato al farmaco, dopo quello di Francesca Tuscano

Nuovo blocco operatorio ospedale San Martino

Liguria. Non ce l’ha fatta la ragazza di 18 anni che domenica era stata ricoverata all’ospedale San Martino dove era stata sottoposta a due interventi per via di una trombosi cerebrale. La giovane, che non si era mai risvegliata dall’operazione, era arrivata al policlinico una decina di giorni dopo la somministrazione della prima dose del vaccino Astrazeneca.

Era una dei tanti ragazzi che avevano aderito all’open day della Regione per assumere da volontari il farmaco a vettore virale, consigliato da Ema e Aifa per gli over 60 ma non vietato ad altre fasce di età. La 18enne, residente nella zona di Sestri Levante, era stata vaccinata a Chiavari. Due giorni prima del ricovero si era presentata con mal di testa e fastidi alla vista al San Martino dove era stata sottoposta ad alcune analisi ma con esito negativo. I medici l’avevano rimandata a casa.

Due giorni dopo aveva iniziato ad accusare problemi motori e ancora forte mal di testa. Tornata in ospedale, attraverso la Tac, le era stata diagnosticata una trombosi cerebrale. Per capire se sarebbe stato possibile un trattamento diverso è stata aperta un’inchiesta della procura di Genova, un fascicolo senza ipotesi di reato seguito dal pubblico ministero Stefano Puppo con l’aggiunto Francesco Pinto, che coordina il pool salute e lavoro: i magistrati si sono fatti consegnare tutta la documentazione su anamnesi e iter vaccinale.

La notizia che la situazione di salute della paziente stava ormai precipitando, dopo tre giorni di coma e di condizioni stabili nella loro gravità, era circolata già nel primo pomeriggio di oggi. La direzione del policlinico però, anche per rispetto dei confronti della famiglia, straziata dal dolore, ha deciso di non aggiornare più il bollettino medico. L’ufficialità del decesso è arrivata solamente ora.

Questa è la seconda morte, in Liguria, legata alla somministrazione di Astrazeneca: ad aprile era deceduta Francesca Tuscano, 32enne genovese, anche lei con un un quadro “trombotico ed emorragico cerebrale”. Anche su quell’episodio tragico è stata aperta un’inchiesta.

Nei giorni scorsi si è verificato un altro caso grave: una donna di 34 anni residente ad Alassio è stata ricoverata con piastrine basse e poi sottoposta a fibrinolisi per alcuni trombi addominali effettivamente riscontrati. Anche lei era stata vaccinata, il 27 maggio, con Astrazeneca nell’ambito dell’open day.

Una situazione che ha portato alla decisione di Alisa di sospendere in via cautelativa, fino a nuova indicazione, la somministrazione del lotto ABX1506 del vaccino AstraZeneca.

 

Più informazioni
leggi anche
18enne morta
Grande gesto
L’ultimo gesto di Camilla: donati gli organi della 18enne morta al San Martino
Giovanni Toti Messaggio Fine Anno
Intervento
Morta a 18 anni dopo Astrazeneca, Toti: “No a sciacallaggio sulla sua morte. Ora serve chiarezza”
astrazeneca vaccino covid
Decisioni
Vaccino, si è espresso il Cts: “AstraZeneca solo per chi ha più di 60 anni. Per under 60 seconda dose con Pfizer o Moderna”
giovani vaccino
Chiarimenti
Dopo parere del Cts Liguria limita AstraZeneca, Toti: “2.400 persone prenotate saranno vaccinate a mRna”
pronto soccorso savona, 118
Consigli
Psicosi AstraZeneca, falsi allarmi in pronto soccorso: quali sono i sintomi di una possibile trombosi
Generico giugno 2021
Iniziativa
Morta a 18 anni dopo Astrazeneca, il Codacons chiede di indagare Speranza e Figliuolo
118 ambulanza generica
Nuovo caso
Un 34enne ricoverato in ospedale con probabile trombosi: era stato vaccinato con J&J

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.