TPL Linea, tornano i controlli a bordo dei bus: task force contro i "portoghesi" - IVG.it
Lotta all'evasione

TPL Linea, tornano i controlli a bordo dei bus: task force contro i “portoghesi”

Più personale abilitato alle verifiche dei titoli di viaggio

controlli bus Tpl

Savona. Dal 7 giugno tornano i controlli a bordo dei mezzi di TPL Linea dopo lo stop imposto dalle disposizioni anti Covid per il trasporto pubblico locale. Fino ad ora le attività di verifica dei titoli di viaggio erano consentite solo alle fermate, ma non sui bus di linea durante il normale percorso.

Naturalmente si era allentata la stretta sui controlli e sulla presenza di possibili “furbetti”, ma tra pochi giorni tutto tornerà come prima dell’emergenza sanitaria e i controllori potranno salire sui bus e svolgere la loro azione di ispezione sull’utenza e i passeggeri.

Ma non solo: completate le procedure amministrative, TPL Linea è pronta a mettere in campo il suo personale viaggiante nella lotta all’evasione grazie alla conclusione delle attività formative per la qualifica di verificatori dei titoli di viaggio. L’azienda di trasporto pubblico savonese vuole incrementare in maniera capillare il contrasto a coloro che sono sprovvisti di regolare biglietto.

Per il personale viaggiante è stato infatti completato il corso di formazione necessario per ottenere il patentino e quindi l’abilitazione professionale per esercitare le attività di controllo: dal mese di giugno potranno essere impiegati come nuovi controlli sulla base di una nuova organizzazione dei dipendenti di TPL Linea in vista della stagione estiva, periodo nel quale è maggiore l’incidenza dell’evasione.

Sui mezzi TPL Linea avranno così vita dura i cosiddetti “portoghesi”.

“Il ritorno dei verificatori a bordo è indubbiamente un provvedimento importante, anche nell’ottica di una maggiore sicurezza per i nostri clienti e del rispetto delle regole, con riguardo a coloro che in questo anno di pandemia hanno continuato a pagare il biglietto” affermano il presidente di TPL Linea Simona Sacone e il direttore generale Giovanni Ferrari Barusso.

“Inoltre, per la nostra azienda la decisione di ripristinare i controlli a bordo arriva nel momento giusto, considerando i livelli di evasione che aumentano durante l’estate”.

“Naturalmente sarà in vigore il protocollo sanitario previsto per il trasporto pubblico locale, a tutela di dipendenti e clienti, per consentire lo svolgimento dell’attività senza rischi di contagio”.

“Infine, siamo molto soddisfatti del corso di abilitazione professionale svolto per la prima volta all’interno di TPL Linea per l’acquisizione del patentino necessario ad effettuare i controlli sui titoli di viaggio. Ora potremo avere maggiore personale da dispiegare per questa mansione, auspicando che la loro operatività possa essere certificata quanto prima dalla Regione Liguria: verrà quindi intensificata l’attività di verifica a bordo dei nostri mezzi e in alcune fasce orarie della giornata saranno impiegate più squadre per questo incarico”.

“Riteniamo che la lotta all’evasione abbia un forte valore morale oltre che civico, con particolare riferimento ad una azienda pubblica spesso sotto pressione e soggetta a molte richieste e attenzioni, nonostante l’impegno di tutti per garantire un servizio puntuale e di massima qualità per l’utenza” concludono.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.