Spacciavano in centro e sul Lungocenta ad Albenga, banda di pusher sgominata dai carabinieri - IVG.it
Lunga indagine

Spacciavano in centro e sul Lungocenta ad Albenga, banda di pusher sgominata dai carabinieri

Uno spacciatore arrestato ed un altro colpito da divieto di dimora in provincia di Savona, altri due sono ricercati

Controlli Carabinieri Albenga

Albenga. La base operativa erano il Lungocenta di Albenga ed il centro storico, ma avevano clienti che arrivavano da tutto il comprensorio e anche dalla provincia di Imperia i quattro marocchini protagonisti dell’ennesima operazione antidroga portata a termine dalla sezione operativa della compagnia carabinieri di Albenga.

I militari, al termine dell’indagine, hanno arrestato un 26enne marocchino di Ceriale e hanno notificato un divieto di dimora in provincia di Savona ad un altro marocchino di 24 anni anch’egli di Ceriale. Altri due connazionali, colpiti da ordinanza di custodia cautelare in carcere, sono irreperibili e tuttora ricercati.

L’indagine era scattata alla fine della scorsa estate, a seguito di alcune segnalazioni fatte pervenire al 112 da cittadini che lamentavano una certa attività di spaccio ad Albenga.

I militari in borghese hanno dato inizio ad una serie di appostamenti e contestualmente sono partiti gli accertamenti tecnici.

Alla fine delle operazioni sono state documentate molteplici cessioni di cocaina da parte di quattro extracomunitari che avevano un fiorente giro d’affari. Lo spaccio avveniva tra il Lungocenta ed il centro storico ed i clienti, italiani e stranieri, provenivano da tutto il comprensorio e dalla provincia di Imperia. Sono stati sequestrati complessivamente 3 etti di cocaina.

E’ stata quindi inviata un’informativa al pubblico ministero che ha richiesto al Gip l’emissione di misure cautelari.

Ieri sono quindi scattati gli arresti in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare e del divieto di dimora in provincia di Savona.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.