Si torna a consumare al chiuso in bar e ristoranti, i gestori: "Primo ritorno alla normalità, incrociamo le dita per una bella stagione" - IVG.it
Dal 1^ giugno

Si torna a consumare al chiuso in bar e ristoranti, i gestori: “Primo ritorno alla normalità, incrociamo le dita per una bella stagione” fotogallery

Nonostante la giornata di bel tempo, tanti hanno voluto "rivivere l'emozione del caffè al tavolino"

Albenga. La giornata, calda e assolata, di certo non invoglia a “chiudersi dentro”. Ma ugualmente ha trasmesso a tutti i clienti (ed anche ai gestori) una certa soddisfazione poter tornare a consumare anche all’interno dei locali e non solo all’esterno, nei dehors. Così come previsto dai decreti governativi, infatti, da oggi 1 giugno è possibile consumare caffè e altri prodotti direttamente al bancone dei bar e mangiare anche ai tavoli al chiuso al ristorante.

Per imprenditori e lavoratori del settore questa novità rappresenta una svolta decisiva. Da un lato perché consente anche a quelle attività che non avevano la fortuna di poter sfruttare spazi esterni di tornare a lavorare. Dall’altro lato anche per chi poteva contare sui dehors viene meno l’incognita legata alle condizioni meteo. Per quanto riguarda i bar, infine, la consumazione al banco rappresenta oltre il 50% degli affari e non a caso le associazioni di categoria avevano chiesto da subito al governo di consentirlo.

Questa mattina la redazione di IVG.it ha voluto raccogliere impressioni e pareri di gestori e clienti dei locali di Albenga per comprendere la portata di questo ulteriore “ritorno alla normalità”.

“Oggi il destino è stato un po’ beffardo – afferma Luca Ferrari, titolare del Caffè Roma – La giornata è davvero molto calda e consumare all’interno forse non è la prima scelta. Ma siamo molto contenti. Noi e anche i clienti, che oggi hanno avuto la soddisfazione di poter consumare la colazione anche all’interno, seduti al tavolino. Si sono goduti una ‘emozione’ che non provavano da mesi. Dal 7 giugno saremo di nuovo in zona bianca, quindi non avremo restrizioni a livello di orario. Speriamo di avere davanti una bella stagione e di lavorare tanto. Anzi, invitiamo i turisti a venire a trovarci in Liguria. Li aspettiamo a braccia aperte”.

Daniela Orrù del Rattopenugo Bistrot di piazza San Michele si dice “contenta che finalmente si possa riaprire anche all’interno. Il tempo non si è ancora stabilizzato, perciò il fatto di poter servire anche all’interno è una possibilità in più. Abbiamo un bello spazio all’esterno, ma quando c’è vento o piove riuscire a gestire il servizio diventa un problema. Senza contare che i clienti non possono finire la cena serenamente. Senza contare che a volte fa freddo per cenare all’esterno di sera. Dopo un anno di fermo quasi totale è la svolta che attendevamo per poter riuscire a lavorare in tranquillità”.

Si torna a consumare al chiuso in bar e ristoranti

Romano Di Giuli, titolare del Bar Romano, usa toni quasi apocalittici: “Sembra la Seconda Guerra Mondiale – afferma – E’ come quando in piazza del Duomo quando sono arrivati gli americani e le ragazze salivano sui carri armati per baciarli. C’è la stessa sensazione. Speriamo che la gente si comporti come deve, perché finora non è successo, specialmente nei locali pubblici. E nessuno ha controllato come sarebbe stato necessario”.

Si torna a consumare al chiuso in bar e ristoranti

Anche “il cliente” Giovanni Delfino non nasconde una certa soddisfazione: “Finalmente ho potuto prendere il cappuccino e leggere il giornale al tavolo. E’ una bella libertà”.

Si torna a consumare al chiuso in bar e ristoranti

Cesare Gonnella del Bar Carillon invita i clienti ad essere solidali coi loro baristi di fiducia: “Diamoci una mano. venite a prendere il caffè al bar”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.