Sgombero e taglio dell’acqua, il capo dei Sinti tuona: “Dal 30 giugno dovremo defecare in mezzo alla strada” - IVG.it
Lo sfogo

Sgombero e taglio dell’acqua, il capo dei Sinti tuona: “Dal 30 giugno dovremo defecare in mezzo alla strada” fotogallery

Questa mattina, lo sgombero di container e manufatti abusivi, ma le strutture rimaste saranno senza acqua da fine mese

Savona. Se da una parte circa 35 persone si sono ritrovate senza la propria abitazione, dopo lo sgombero di container e manufatti abusivi, avvenuto in mattinata, le famiglie restanti si ritroveranno senza acqua, in piena estate, a partire dal 30 giugno.

È stato un vero e proprio tsunami quello che ha travolto il campo nomadi della Fontanassa di Savona questa mattina, e gli strascichi non sono ancora finiti, anzi sono destinati a perdurare almeno fino a fine mese.

Come confermato anche dal comandante della polizia municipale savonese Igor Aloi, infatti, “c’è anche un grosso problema con la rete idrica ed il 30 giugno l’acquedotto chiuderà il contatore per insoluti”.

Una situazione difficilissima che ha suscitato la reazione carica di rabbia e stupore da parte del capo della comunità sinti Mario Re, che ha affidato il suo sfogo ai microfoni di IVG.it.

Si parte dall’odierno intervento delle ruspe: “Questa mattina siamo stati oggetto di uno sgombero, trattati come abusivi che non siamo. Ricordo che, nel 1994, fu l’allora sindaco Gervasio a spostarci qui dalla zona del Priamar. Non ci siamo certo insediati di nostra iniziativa”.

Ed ora, come detto in precedenza, la nuova, pesante scadenza è fissata il 30 giugno e la soluzione al problema sembra tutt’altro che vicina: “A fine mese, – ha proseguito Re, – ci toglieranno anche l’acqua. Siamo tantissime famiglie ed in piena estate. Come faremo? Dovremo comportarci come i cani e defecare in mezzo alla strada. Io lo farò se non si troverà una soluzione concreta”.

“Purtroppo soldi non ne abbiamo, non possiamo farci nulla. Io ho una pensione misera, da poche centinaia di euro che basta a malapena per fare comprare da mangiare e provare a vivere”, ha concluso.

leggi anche
Sgombero campo nomadi Fontanassa
Fulmine a ciel sereno
Savona, caos alla Fontanassa: scatta lo sgombero del campo nomadi
Sgombero campo nomadi Fontanassa
Rabbia
Sgombero alla Fontanassa, l’avvocato Branca: “Gravi episodi di violenza e violazione dei diritti fondamentali”
Savona 2021, la presentazione di Angelo Schirru
Il commento
Sgombero campo nomadi Fontanassa, Schirru: “Situazione illegittima e di pericolo da anni, si troverà una soluzione dignitosa”
Sgombero campo nomadi Fontanassa
Precisazioni
Caprioglio su campo nomadi: “Nessuno sgombero, ordinanza di mesi fa mai ottemperata dai sinti”
Franco Zunino - assessore regionale Ambiente
Pugno di voti
Sgombero campo nomadi Fontanassa, Zunino (Arci): “Azione inattesa e alloggi non ancora pronti. Faremo denuncia e ricorso al Tar”
Sgombero campo nomadi Fontanassa
Fulmine a ciel sereno
Sgombero campo nomadi, Caprioglio: “Trovata sistemazione per 15 persone, le altre hanno rifiutato di stare in albergo”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.