Sgombero campo nomadi, le associazioni savonesi: "Non si ripristina la legalità ledendo diritti e dignità delle persone" - IVG.it
Contrarietà

Sgombero campo nomadi, le associazioni savonesi: “Non si ripristina la legalità ledendo diritti e dignità delle persone” fotogallery

Sgombero campo nomadi Fontanassa

Savona. Continua a tenere banco, a Savona, la questione dello sgombero del campo sinti della Fontanassa, avvenuta ieri mattina e che proseguirà anche nei prossimi giorni, così come annunciato ieri dal sindaco Ilaria Caprioglio.

A manifestare contrarietà e scetticismo, oggi, sono i rappresentanti di Acli, Aned, Anpi, Arci, Caritas Diocesana, del Comitato Antifascista di Villapiana e della Comunità di Sant’Egidio, che in una nota congiunta affermano: “Mercoledì mattina abbiamo assistito con sgomento ad un’azione di forza spropositata messa in campo dalla polizia municipale e da numerose altre forze dell’ordine per la demolizione dei manufatti abusivi presso il campo nomadi della Fontanassa. All’alba i residenti sono stati svegliati e fatti uscire dalle loro abitazioni per procedere all’identificazione e allo sgombero delle proprie cose nelle baracche oggetto di abbattimento, senza essere stati preavvisati”.

“Neanche sono state avvisate le associazioni che lavorano a vario titolo per il campo, che da mesi interloquiscono con l’amministrazione comunale circa le criticità da sempre presenti ed aggravate con il nuovo regolamento, e che tentano di proporre soluzioni di buon senso per conciliare le legittime richieste dei residenti e le esigenze rappresentate dal Comune. Solo alcuni rappresentanti sono stati ammessi, dopo lunghe insistenze, a presenziare alle operazioni di sgombero”.

I rappresentanti sottolineano che “sono mesi che si discute nuovamente sull’area della Fontanassa, che ci si confronta sulle alternative e si presentano proposte, attraverso i canali democratici dell’intervento in commissione, della presentazione di emendamenti al regolamento, e financo del ricorso contro il regolamento. Ma quello che ci preme oggi non è tornare su questi argomenti, ma denunciare il modo incivile con cui si è dato seguito all’abbattimento”.

“Ciò a cui abbiamo assistito stamane in prima persona al campo è qualcosa che non appartiene alla nostra cultura e al rispetto dei diritti umani e che vorremmo non appartenesse alla nostra amata città di Savona. L’azione di forza di oggi è un segnale grave, che incoraggia chiusura e durezza immotivate: non si ripristina la legalità ledendo i diritti e la dignità delle persone. L’uso della forza davanti a minori, donne e anziani come anche la gratuita distruzione dei loro beni è un atto grave e irreparabile”.

“Resta ora drammaticamente aperta la questione della sospensione dell’acqua potabile confermata entro il 30 giugno, che andrebbe a colpire tutti i residenti del campo, oltre alle famiglie oggetto dell’intervento odierno, in un momento di particolare disagio per il caldo e per l’emergenza Covid che, ricordiamo, è comunque ancora in corso. Auspichiamo da parte di tutti la capacità di fermarsi per una riflessione costruttiva e condivisa sul futuro di questi nostri concittadini”.

leggi anche
Sgombero campo nomadi Fontanassa
Fulmine a ciel sereno
Sgombero campo nomadi, Caprioglio: “Trovata sistemazione per 15 persone, le altre hanno rifiutato di stare in albergo”
Sgombero campo nomadi Fontanassa
Precisazioni
Caprioglio su campo nomadi: “Nessuno sgombero, ordinanza di mesi fa mai ottemperata dai sinti”
Sgombero campo nomadi Fontanassa
Fulmine a ciel sereno
Savona, caos alla Fontanassa: scatta lo sgombero del campo nomadi
Sgombero campo nomadi Fontanassa
Motivazioni
Sgombero campo nomadi, Caprioglio: “Provato a mediare in tutti i modi. Manovra elettorale? Non mi ricandido”
ruspa campo nomadi
Iniziativa
Savona, a Cantagalletto una cena solidale per i sinti: ricavato destinato a pagare il ricorso al Tar

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.