Sgombero campo nomadi, Caprioglio: "Provato a mediare in tutti i modi. Manovra elettorale? Non mi ricandido" - IVG.it
Motivazioni

Sgombero campo nomadi, Caprioglio: “Provato a mediare in tutti i modi. Manovra elettorale? Non mi ricandido”

Il primo cittadino di Savona è un fiume in piena: "Una situazione irrisolta dalla sinistra che ha amministrato per oltre vent'anni"

Sgombero campo nomadi Fontanassa

Savona. È una Ilaria Caprioglio a tutto campo quella che, in mattinata, è intervenuta con un post sulla propria pagina facebook per rispondere – punto su punto – a tutte le critiche giunte da più fronti a seguito dello sgombero del campo nomadi del quartiere Fontanassa, a Savona.

“La decisione di agire – esordisce il primo cittadino di Savona – non è stata presa a cuor leggero dalla sottoscritta, è stata frutto di un lungo percorso iniziato nel 2016 quando, dalla precedente Amministrazione, abbiamo ereditato anche questa situazione: la presenza di manufatti illeciti e di potenziali pericoli per l’incolumità delle persone nell’area di sosta Fontanassa di proprietà comunale, una situazione irrisolta dalla sinistra che ha amministrato per oltre vent’anni. L’iter dal 2016 ad oggi è stato complesso, come tutti gli iter amministrativi dove molteplici sono le esigenze da contemperare: sicurezza e legittimità, principio di uguaglianza fra cittadini e umanità”.

Nel corso di questi cinque anni ho più volte incontrato i Sinti – prosegue Caprioglio -, mi sono preoccupata della ragazza disabile proponendo alla famiglia il trasferimento in un alloggio di Arte già un paio di anni fa, in quanto vivevano in un manufatto abusivo (i primi atti amministrativi di demolizione erano stati firmati dal dirigente dell’urbanistica). La famiglia aveva rifiutato l’alloggio ma non aveva neppure provveduto a regolarizzare la propria sistemazione nell’area e, come questa famiglia, anche le altre che ho incontrato con figli minori hanno rifiutato gli appartamenti di Arte rassicurandomi che avrebbero provveduto a rimuovere i manufatti abusivi, sostituendoli con roulotte immatricolate (e quindi autorizzate alla sosta nell’area), e il materiale pericoloso: accordi mai onorati. Per cinque anni ho ricevuto rifiuti a proposte abitative e promesse di regolarizzazione mai mantenute“.

“E arriviamo a novembre 2020 – continua – il piano di riequilibrio finanziario procedeva bene, permettendo una variazione di bilancio al fine di stanziare risorse anche per mettere a posto, a spese del Comune, l’intera area. Questa variazione è stata votata a favore dalla sottoscritta, dal consigliere Ravera e dal consigliere Dell’Amico: tre persone, seppur di diversa estrazione politica, di buonsenso e umanità. I consiglieri di maggioranza hanno votato contro, gli altri consiglieri di minoranza si sono astenuti! Sono rimasti alla finestra davanti al problema come avevano fatto le precedenti Giunte di sinistra. Perché la politica, quella con la p minuscola dedita a inseguire il consenso e a non affrontare i problemi forieri di polemiche, non conosce distinzione di destra e sinistra. Davanti alla bocciatura della variazione di bilancio e alla mancata volontà di collaborare da parte dei Sinti ho fatto quello che qualunque sindaco mosso da senso di responsabilità e di umanità avrebbe fatto: ho emesso le ordinanze per eliminare le situazioni di potenziale pericolo e per abbattere i manufatti abusivi, in quanto nessun cittadino può essere lasciato a vivere nel pericolo ma anche nessun Cittadino può permettersi di vivere nell’illegalità”.

“Nel frattempo ho tentato un’ultima mediazione con le famiglie, andata ancora una volta a vuoto – precisa Caprioglio -. A quel punto abbiamo individuato gli alloggi di Arte idonei per le famiglie, ho effettuato personalmente i sopralluoghi, abbiamo predisposto gli atti necessari e abbiamo provveduto alla ristrutturazione. Infine, dopo reiterati inviti ai diretti interessati a provvedere, abbiamo dato attuazione alle ordinanze come prescritto dalla legge, con il supporto delle Forze dell’Ordine, presenti per garantire l’incolumità di tutti, degli assistenti sociali, dei militi della Croce Rossa Italiana. Ribadisco come prima dell’intervento, per mesi, abbiamo avvisato le persone interessate che se non procedevano loro ad ottemperare all’ordinanza avremmo dovuto agire noi. I termini per ottemperare scadevano a fine febbraio: abbiamo aspettato si concludesse la stagione fredda e l’emergenza sanitaria con l’ingresso nella zona bianca, nel frattempo abbiamo ancora mediato sempre senza successo ma non si poteva continuare a far finta di niente davanti a un evidente problema: pericolosità e illiceità e, dunque, abbiamo agito. Si è scritto che è stata una manovra elettorale: rammento a tutte le persone distratte che ho già dichiarato di non ricandidarmi. Si è detto che si è andati con le ruspe: rammento a tutte le persone ignare che per dare esecuzione in danno a un’ordinanza non ottemperata di demolizione di un manufatto abusivo si deve usare un mezzo meccanico. Si è detto che si sono buttate persone in mezzo alla strada: è falso, erano già pronte le abitazioni ristrutturate e, nelle more del trasloco, la soluzione temporanea in albergo a spese del Comune. Avevamo anche predisposto il trasferimento dei beni mobili, che sarebbero stati rinvenuti all’interno dei manufatti abusivi da demolire, in un magazzino comunale. Si è detto che ci sono state azioni violente: davanti a questa affermazione di inaudita gravità e, comprovata falsità, risponderemo in altra sede”.

“Avrei, sinceramente, evitato di chiudere il mandato dovendo affrontare anche questa situazione, avrei forse dovuto fare come i politici di professione, quelli che accorrono sul posto a favore di telecamera per far campagna elettorale salvo poi, quando sono nel posto giusto, cioè all’interno di un’amministrazione comunale o di un consiglio comunale non agiscono. Anche questa volta, per l’ennesima volta, ho dimostrato di non rispondere supinamente alle direttive delle forze di coalizione, bensì alla mia coscienza e in coscienza so di aver lavorato in modo attento e scrupoloso per ristabilire la legalità e la sicurezza, trovando contemporaneamente una soluzione a tutela dei cittadini più deboli. Questo è il compito di un sindaco e tale compito ritengo di averlo svolto a testa alta, con coraggio, impegno e senso di responsabilità per l’intero mandato” conclude il sindaco.

leggi anche
Sgombero campo nomadi Fontanassa
Parere
Sgombero campo nomadi, Giusto (FdI): “Degrado inaccettabile, il sindaco ha fatto il suo dovere”
Sgombero campo nomadi Fontanassa
Contrarietà
Sgombero campo nomadi, le associazioni savonesi: “Non si ripristina la legalità ledendo diritti e dignità delle persone”
Sgombero campo nomadi Fontanassa
Fulmine a ciel sereno
Sgombero campo nomadi, Caprioglio: “Trovata sistemazione per 15 persone, le altre hanno rifiutato di stare in albergo”
ruspa campo nomadi
Doppio editoriale
E alla fine la ruspa arrivò. E ci persero tutti
Sgombero campo nomadi Fontanassa
Speranza
Sgombero campo nomadi: “Auspichiamo una riflessione condivisa sul futuro dei nostri concittadini”
sinti fontanassa
Almeno per ora
Scongiurato lo stop dell’acqua al campo nomadi: “Per l’allacciamento ci hanno chiesto 20mila euro”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.