Schiamazzi e urla in viale Pontelungo ad Albenga, minoranza: "Basta violazioni della quiete pubblica" - IVG.it
Affondo

Schiamazzi e urla in viale Pontelungo ad Albenga, minoranza: “Basta violazioni della quiete pubblica”

I consiglieri di opposizione denunciano la situazione della via albenganese in orario notturno

Viale Pontelungo Albenga

Albenga. “È il colmo che abbiamo 44 agenti della polizia municipale nel Comando di Albenga e l’amministrazione comunale non ha strumenti di alcun tipo per controllare quegli esercizi commerciali che con il chiasso, gli schiamazzi anche notturni, i rumori talvolta assordanti, la clientela che urla fuori dal locale, la musica ad alto volume, rovinano le ore notturne di quartieri residenziali”.

L’affondo arriva dai consiglieri di minoranza ingauni, Gero Calleri, Cristina Porro ed Eraldo Ciangherotti.

“L’inquinamento acustico, purtroppo, è una realtà che, su viale Pontelungo e a quanto pare in altre vie “emergenti” della città, molti cittadini sono costretti a subire e sopportare tanto che la situazione diventa intollerabile sino a sfociare in disturbo alla quiete pubblica, un reato che l’Amministrazione di Riccardo Tomatis, già da due anni, non intende perseguire e anzi pare giustificare”.

“La notte scorsa, l’ennesima nottataccia con musica ad un volume eccessivo che i residenti sentono dentro casa, addirittura con le finestre a doppio vetro chiuse. In aggiunta, con la clientela che urla e gli schiamazzi che si sono protratti fino alle 4.00” aggiungono gli esponenti di opposizione.

“Il nostro Comando della municipale non è in grado di assicurare il rispetto della quiete pubblica e questo sta diventando un problema di forte disagio a discapito di molto cittadini residenti in zone “franche ed intoccabili” della città”.

“Lo scorso inverno, avevamo chiesto dai banchi della minoranza, in Consiglio comunale, di riorganizzare il regolamento comunale delle serate musicali ma, per pigrizia, questa amministrazione comunale, inadeguata sotto tanti punti di vista, pur di snobbare le mozioni dell’opposizione, ha votato contro senza ascoltare i tanti cittadini stufi di questo disagio”.

“Adesso continuare a girarsi dall’altra parte vorrebbe dire complicità. Siamo di fronte ad un reato che ci auguriamo Questura di Savona e stazione dei Carabinieri di Albenga vogliano attenzionare e perseguire” concludono.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.