Savona Calcio, dalla Coppa Italia Dilettanti all'attesa per ritrovare la propria identità: venerdì sarà asta per il titolo sportivo - IVG.it
Attesa

Savona Calcio, dalla Coppa Italia Dilettanti all’attesa per ritrovare la propria identità: venerdì sarà asta per il titolo sportivo

C'è attesa per conoscere quale sarà la denominazione della società biancoblù, franata in un limbo successivamente al fallimento dell'estate scorsa

Bacigalupo innevato

Savona. Le cose cambiano e non poco: si potrebbe iniziare a disquisire sul tema della Pro Savona Calcio utilizzando proprio in questa frase, un’analisi concisa la quale permette però di analizzare al meglio la situazione in cui sono piombati gli striscioni. Dalla Serie D alla Prima Categoria, il tutto in una sola estate a causa delle difficoltà della Sana Sport & Management, società che insieme a Roberto Patrassi ha portato al posto di un auspicato salto di categoria un epilogo davvero triste per tutto il mondo biancoblù.

È così che oggi, 23 giugno 2021, ad esattamente trent’anni dalla conquista della Coppa Italia Dilettanti sollevata al cielo il medesimo giorno del 1991, il Pro Savona Calcio presieduto dal presidente per antonomasia Enzo Grenno sta cercando di ripartire, tentando di ricostruire dalle ceneri una società rispettata e virtuosa. Anche per questo nuovo progetto non sono però mancate le difficoltà con lo stadio Bacigalupo che, per esempio, resta tutt’oggi “disabitato” e in condizioni le quali tengono davvero in apprensione chi ricorda l’impianto savonese popolato da splendide spedizioni di tifosi biancoblù.

L’amministrazione comunale però, nella diatriba scoppiata con il vice-presidente del Pro Savona Calcio durante lo scorso mese, aveva dichiarato di auspicare un bando per quella che è stata “la casa” degli striscioni nel più breve tempo possibile, mentre venerdì come indicato nel titolo si inizierà con il titolo sportivo. “Savona Fbc” verrà quindi ufficialmente messo in vendita, una denominazione storica che Simone Marinelli ha dichiarato essere il primo obiettivo stagionale da centrare per la proprietà presieduta da Grenno: “Non so chi sarà presente all’asta oltre a noi, io ci sarò personalmente.”

In seguito non è mancata la richiesta di qualche anticipazione proprio sulla stagione che verrà e sulla questione stadio, ma il vice-presidente diversamente rispetto a quanto fatto in quel di maggio ha preferito rimanere sul vago, rimandando l’appuntamento a qualsiasi tipo di esternazione su quel tema successivamente all’esito dell’asta del 25.

La breve intervista si è quindi conclusa con la conferma della presenza venerdì dei vertici dell’attuale Pro Savona Calcio, questo senza però sapere se si dovranno misurare o meno con qualche altro acquirente interessato. Per le vie di Vado si parla del gruppo Tarabotto, mentre qualcun altro vocifera in merito ad una terza figura ancora tuttavia avvolta nel mistero. Una cosa è certa, gli antichi fasti dei gloriosi colori biancoblù sembrano ancora lontani.

leggi anche
Savona Calcio, la presentazione del nuovo sponsor
Novità biancoblù
Pro Savona Calcio: al via la trasformazione da Asd a Srl, si è dimesso Matteo Marenco
Pro Savona Calcio
Work in progress
Pro Savona Calcio: il punto su prima squadra, strutture e settore giovanile

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.