Savona 2021, l'azzardo: proposto a Santi il passaggio in Lega per blindare il posto da vicesindaco e arginare Scaramuzza - IVG.it
Compromessi

Savona 2021, l’azzardo: proposto a Santi il passaggio in Lega per blindare il posto da vicesindaco e arginare Scaramuzza

A proporlo a Santi è stato Bruzzone con il beneplacito di Cambiamo, da sempre contrario a Scaramuzza vice

Savona. Oltre alla scelta del nome per il candidato sindaco, continuano le mosse all’interno della coalizione di centro destra per sciogliere il nodo di chi potrà diventare vice sindaco in caso di vittoria. Così, dallo schieramento, arriva la richiesta all’assessore ai lavori pubblici Pietro Santi di passare nella Lega in modo da assicurarsi quel ruolo, senza il quale aveva minacciato di essere disposto ad abbandonare la politica. Un rischio che la coalizione non vuole prendersi considerando la sua capacità di raccogliere consenso, popolarità confermata, anche a distanza di quasi cinque anni dalle precedenti elezioni, attraverso un sondaggio sulla sua pagina Facebook.

In particolare la proposta è stata avanzata da Francesco Bruzzone, segretario cittadino della Lega, con il beneplacito di Cambiamo, da sempre contrario a Scaramuzza vicesindaco. In questo modo l’attuale assessore allo sport Maurizio Scaramuzza rimarrebbe “a bocca asciutta”: quando ancora era in “auge” il nome di Amoretti, a marzo, Scaramuzza aveva ufficializzato il passaggio al Carroccio confermando con i fatti, ma non con le parole, l’intenzione di assicurarsi il posto.

Ma continuano i commenti sul candidato sindaco e sul toto nomi sul quale si è espresso anche Scaramuzza che ribadisce la sua posizione a favore di Caprioglio: “Schirru? Come medico non ho mai avuto niente a che fare, non lo conosco personalmente. E’ uno dei tanti nomi che si sentono. Io continuo a ripetere che il mio sindaco è sempre Ilaria Caprioglio”.

Dopo le prime perplessità del presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, il nome di Dario Amoretti, ex funzionario dell’Unione industriali, è stato accantonato definitivamente. Al suo posto il papabile candidato sindaco è diventato Angelo Schirru, ex primario di chirurgia dell’ospedale San Paolo di Savona. Ancora niente di ufficiale, ma il chirurgo, che si presenterebbe come civico, sembra, al momento, mettere d’accordo tutte le anime dello schieramento.

Io non do nessun nome – ripete Scaramuzza -. Caprioglio sindaco e io vice? Io continuo a lavorare per questa città e lo vorrei fare per altri cinque anni. Ma chi deve decidere non sono io, io sono a disposizione di Savona”. Non si sbilancia su Schirru ma non nega la volontà di sostenere nuovamente l’attuale sindaco con la speranza di rivestire la carica di vice sindaco.

La probabilità che Caprioglio si faccia da parte sembrerebbe diventare sempre più concreta anche se non ha ancora sciolto la riserva. I “big” dei partiti che formano la coalizione non hanno messo il veto su Caprioglio ma la continua proposta di nomi alternativi all’attuale sindaco non pone a suo favore. Sia Toti che Vaccarezza hanno riconosciuto il difficile lavoro svolto da Caprioglio durante questa legislatura. Il presidente di Regione ha detto: “Credo che fare il sindaco sia una lavoro gravoso a livello fisico, umano e politico. Prima di tutto bisogna che uno ne abbia voglia e sia convinto”. Al leader di “Cambiamo!” ha fatto eco il consigliere regionale Angelo Vaccarezza: “Ilaria ha fatto 5 anni difficilissimi, nessuno avrebbe nulla da dire se lei decidesse di fermarsi qua o chiedesse di fare altri 5 anni”.

 

leggi anche
  • Totosindaco
    Savona 2021, Caprioglio lascia il posto a Schirru? Vaccarezza: “Abbiamo una panchina di campioni”
    vaccarezza caprioglio schirru
  • In cerca di risposte
    Savona 2021, Toti: “Di Amoretti ho perso le tracce. Caprioglio? Bisogna che sia convinta”
    toti caprioglio

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.