Raddoppio ferroviario Finale-Andora, i sindaci di Borghetto e Laigueglia dal vice ministro: "Salvaguardare il territorio agricolo" - IVG.it
Attenzione

Raddoppio ferroviario Finale-Andora, i sindaci di Borghetto e Laigueglia dal vice ministro: “Salvaguardare il territorio agricolo”

Sasso Del Verme ha sollevato un’altra importante questione legata "al destino delle future aree dismesse che le Ferrovie parrebbero voler mettere a bando"

Canepa Sasso Del Verme Ministero

Borghetto Santo Spirito. Nei giorni scorsi il sindaco di Borghetto Santo Spirito Giancarlo Canepa è stato stato ricevuto negli uffici del vice ministro Alessandro Morelli presso il ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili.

“Durante l’incontro ho avuto la possibilità di esprimere la preoccupazione per l’impatto ambientale che potrebbe avere lo spostamento a monte dei binari nel caso venisse mantenuto lo stesso tracciato del vecchio progetto – spiega il primo cittadino – Borghetto ha una superficie complessiva inferiore a 6 chilometri quadrati e il tracciato ipotizzato andrebbe a sacrificare una importante e preziosa porzione di territorio agricolo. Riconosco l’importanza assoluta di un’infrastruttura ferroviaria efficiente di cui il ponente ligure, ha un bisogno estremo ma spero che nella riprogettazione in corso si tenga conto delle caratteristiche dei territori e delle possibili alternative fornite dalle nuove tecnologie. Nel caso non fosse possibile modificare il tracciato ho chiesto la possibilità che vengano almeno valutate delle ‘opere compensative’ legate alla mobilità sostenibile come, ad esempio, la realizzazione di piste ciclabili, riscontrando una positiva apertura e attenta sensibilità nei confronti del territorio”.

“Come promesso, mi sono fatto carico di consegnare alla segreteria tecnica del dicastero una serie di dossier e relazioni preparate da varie associazioni e comitati tra cui ‘Non Fermiamo il Treno’ e Assoutenti. Ringrazio il Senatore Paolo Ripamonti per questa opportunità”.

All’incontro ha partecipato anche il sindaco di Laigueglia Roberto Sasso Del Verme che ha sollevato un’altra importante questione legata “al destino delle future aree dismesse che le Ferrovie parrebbero voler mettere a bando”. Su questa partita i due sindaci hanno chiesto che venga eventualmente previsto un diritto di prelazione per i Comuni qualora le aree in questione, sulle quali verteva anche un progetto legato alla “Ciclovia Tirrenica”, venissero effettivamente messe all’asta.

leggi anche
raddoppio ferroviario
Chiarimento
Raddoppio ferroviario, Sasso del Verme e Canepa: “Indispensabile, ma è importante anche la tutela del territorio”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.