Ospedale San Paolo, Toti risponde ad Arboscello: "Nessun depotenziamento, procedura per il Centro Ictus" - IVG.it
Chiarimento

Ospedale San Paolo, Toti risponde ad Arboscello: “Nessun depotenziamento, procedura per il Centro Ictus”

Risposta del governatore e assessore alla sanità sull'interrogazione del consigliere Arboscello

ospedale San Paolo Vallonia ingresso

Savona. Il consigliere regionale Roberto Arboscello (Pd-Articolo Uno) ha presentato un’interrogazione, sottoscritta dai colleghi del gruppo, in cui ha chiesto al presidente Toti cosa intende con la definizione di “presidio cittadino”, attribuita nei giorni scorsi all’ospedale San Paolo di Savona, e quale prospettiva prevede per il presidio. Il consigliere ha ricordato che il San Paolo ha un bacino di utenza di 164 mila persone, con oltre 50 mila accessi al pronto soccorso, ma che Toti il 7 giugno ha definito “l’ospedale il presidio cittadino di Savona”.

“Ho preparato l’interrogazione per chiedere chiarimenti sui termini vaghi e riduttivi con i quali è stato delineato il futuro dell’ospedale della città capoluogo da parte della Regione. Il San Paolo è un presidio fondamentale non solo per Savona ma per tutto il comprensorio che comprende Val Bormida, levante e ponente savonese” ha ribadito il consigliere.

Il presidente della giunta con delega alla sanità Giovanni Toti ha risposto: “La definizione di presidio cittadino è riferita alla sua collocazione fisica nel territorio del Comune di Savona e la rete dei servizi è in integrazione con gli altri presidi dell’ambito provinciale, così come alcuni servizi del San Paolo servono cittadini di tutta la provincia”.

Toti ha rimarcato: “Non c’è stato un depauperamento dei servizi negli ultimi anni” e ha ricordato l’installazione in corso dell’angiografo e il concorso in atto di Neurologia per l’attivazione del Centro Ictus in integrazione con le funzionalità del Dea di II livello”.

“In particolare, per quanto riguarda l’angiografo, oggi è avvenuta la consegna con il posizionamento nei locali ristrutturati presso la Radiologia Interventistica e Cardiologia/Emodinamica; le attività di montaggio tecnico, cablaggio e settaggio del nuovo apparecchio inizieranno domani e si concluderanno con le prove di collaudo e prima formazione all’utilizzo, indicativamente entro metà luglio”.

Il presidente ha poi ricordato che “il San Paolo non ha subito alcun depauperamento negli ultimi anni né per qualità né per quantità dei servizi, mantenendo le sue specialità ed eccellenze. Durante l’emergenza pandemica l’accentramento del Punto nascite è avvenuto presso il San Paolo così come la Breast Unit ha sede presso lo stesso ospedale”.

“Certamente poi la rete dei servizi presenti è in integrazione con gli altri ospedali della provincia di Savona, così come alcuni servizi attivi presso il San Paolo servono i cittadini di tutta la provincia. Questo principio di integrazione delle varie medicine ospedaliere e territoriali – conclude Toti – è scritto nel nostro Piano sociosanitario regionale ed è alla base delle linee guida di tutti i piani nazionali, così come del Pnrr”.

leggi anche
Ospedale San Paolo Savona generica
Botta e risposta
Savona, Caprioglio replica ad Arboscello: “Mi sono spesa in prima persona in difesa del San Paolo”
Caprioglio Schirru
Accade in città
Savona, Caprioglio pronta a farsi da parte per Schirru? I casi delle “multe da triplicare” e degli eventi sul Priamar
Marco Russo Savona
Scettico
Ospedale San Paolo, Russo: “Toti vuole relegarlo ad un ruolo marginale come ha fatto per Savona”
Nuovo ecografo al San Paolo
Nuovo arrivo
Ospedale San Paolo, inaugurato il nuovo ecografo. Prioli: “Costante ammodernamento del parco tecnologico di Asl2”
Via alla campagna elettorale di Marco Russo
Proposta
Savona 2021, Russo: “Rete di assistenza territoriale assente, investire sulle Case della salute”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.