Ospedale Albenga, Toti: “Tra 15 giorni riapre ortopedia”. Ma niente Policlinico: sarà gestito da personale interno Asl 2 - IVG.it
Ritorno?

Ospedale Albenga, Toti: “Tra 15 giorni riapre ortopedia”. Ma niente Policlinico: sarà gestito da personale interno Asl 2

In giornata è arrivata la precisazione di Regione Liguria

Policlinico di Monza Albenga

AGGIORNAMENTO – In giornata dallo staff di Regione Liguria è arrivata la risposta a questi dubbi: il reparto sarà gestito direttamente da personale interno di Asl 2. Niente Policlinico dunque, ma una gestione pubblica del reparto.

Albenga. Una frase apparentemente innocua, infilata in un più ampio discorso sulla sanità e sulle future riaperture e ripartenza di reparti, specialità e Punto di primo intervento, alcuni dei quali sospesi a causa della pandemia. Una frase apparentemente innocua che però, ad una rilettura più attenta, assume una portata eclatante. E’ quella frase pronunciata ieri dal presidente della Regione Giovanni  Toti durante l’incontro sulla sanità valbormidese con la direzione strategica Asl 2, i rappresentanti dei sindacati, i sindaci interessati e i comitati locali.

Ieri il governatore ha annunciato: “Nei prossimi 15 giorni all’ospedale Santa Maria di Misericordia di Albenga riaprirà anche l’ortopedia protesica“. Nasce subito un interrogativo: chi gestirà il reparto? Dalla ricostruzione della lunga vicenda sanitaria del reparto di ortopedia, combattuta a suon di ricorsi al Tar e sentenze, toccherebbe al Policlinico di Monza, che a marzo 2020 aveva sospeso gli interventi.

Al momento dal Policlinico di Monza preferiscono non commentare, con il responsabile degli affari generali, Alessandro Cagliani, che per ora non rilascia dichiarazioni. A parlare è invece il sindaco di Albenga Riccardo Tomatis, che nell’apprendere le parole del presidente Toti ipotizza proprio un rientro in pista dell’azienda lombarda: “Penso che ortopedia protesica riaprirà con i vecchi ‘gestori’, cioè il Policlinico di Monza, a cui era stata prorogata la convenzione. Avevano sospeso le attività , ora riprenderanno”.

Uno scenario che però non è così scontato. Considerando i tempi dettati da Toti per la riapertura del reparto, due sole settimane, l’azienda potrebbe anche essere rimasta “sorpresa” da una novità del genere, che costringerebbe il Policlinico ad uno sforzo organizzativo non indifferente.

Da questi silenzi, incertezze e frasi si può cogliere quanto la notizia sia stata un autentico fulmine a ciel sereno per tutti i soggetti interessati alla vicenda. Inevitabile porsi una domanda: sarà davvero possibile rispettare i tempi annunciati da Toti riallestendo i reparti con attrezzature e riorganizzando gli organici con le professionalità indispensabili al suo funzionamento? Una riapertura del genere non si può certo “improvvisare” in quindici giorni.

Va anche considerato che il Policlinico di Monza è ormai assente dalla Liguria da marzo 2020, e che la battaglia a colpi di carte bollate con Regione e Istituto Galeazzi (nell’ambito della privatizzazione dell’intero ospedale) potrebbe aver ormai allontanato le attenzioni dell’azienda dall’ortopedia ingauna. Improbabile, quindi, che il gruppo sia immediatamente pronto a ripartire.

Dunque non è poi così scontato il ritorno del Policlinico di Monza, che nelle vicissitudini di questi anni ha tribolato non poco (tra battaglie legali, sospensioni, proroghe) per giungere oggi ad un ritorno ai nastri di partenza.

AGGIORNAMENTO – In giornata dallo staff di Regione Liguria è arrivata la risposta a questi dubbi: il reparto sarà gestito direttamente da personale interno di Asl 2. Niente Policlinico dunque, ma una gestione pubblica del reparto.

leggi anche
  • Esigenza
    Ospedale Albenga, Ciangherotti (FI): “Riaprire subito il pronto soccorso, prima che sia troppo tardi”
    ospedale albenga Ciangherotti

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.