L'ultimo gesto di Camilla: donati gli organi della 18enne morta al San Martino - IVG.it
Grande gesto

L’ultimo gesto di Camilla: donati gli organi della 18enne morta al San Martino

I genitori hanno dato il consenso, la direzione dell'ospedale ringrazia la famiglia della giovane "per l’umanità e la disponibilità"

18enne morta

Liguria. Non ce l’ha fatta Camilla Canepa, la 18enne di Sestri Levante, deceduta quasi due settimane dopo la somministrazione della prima dose del vaccino AstraZeneca. Alle 19.55 di oggi, giovedì 10 giugno, l’equipe di rianimazione dell’ospedale policlinico San Martino, dove era ricoverata, ha stabilito la conclusione del periodo di osservazione e dichiarato ufficialmente la morte.

Da fonti ospedaliere emerge che i genitori della ragazza hanno dato il consenso all’espianto degli organi che saranno quindi donati, salvando altre vite.

La direzione e tutto il personale del policlinico si stringono attorno ai familiari, “che abbiamo potuto apprezzare in questi tristi giorni per l’umanità e la disponibilità palesate nei confronti dei nostri professionisti”, si legge in una nota.

Anche il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, insieme a tutta la giunta, esprime profondo cordoglio per la scomparsa della 18enne che era ricoverata dal 6 giugno in neurochirurgia con diagnosi di trombosi seno cavernoso: “Le nostre più sentite condoglianze vanno ai suoi cari. Tutta la Liguria si stringe attorno alla famiglia della ragazza”.

leggi anche
  • Tragedia
    Trombosi cerebrale dopo Astrazeneca, non ce l’ha fatta la 18enne di Genova
    Nuovo blocco operatorio ospedale San Martino
  • Elementi
    Morta a 18 anni dopo Astrazeneca, Camilla Canepa soffriva di malattia autoimmune del sangue e assumeva due farmaci ormonali
    camilla vaccino

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.