Loano, il Comune “accorcia” la distanza con i cittadini: tanti servizi ora disponibili sull'app IO - IVG.it
Smart

Loano, il Comune “accorcia” la distanza con i cittadini: tanti servizi ora disponibili sull’app IO

E' il progetto varato dal Ministero per l'Innovazione Tecnologica e la Transizione digitale per semplificare ed accelerare l'accesso dei cittadini ai servizi della Pubblica Amministrazione

Loano Comune Palazzo Doria Municipio Piazza Italia

Loano. Anche il Comune di Loano è sbarcato sull’app IO, il progetto varato dal Ministero per l’Innovazione Tecnologica e la Transizione digitale per semplificare ed accelerare l’accesso dei cittadini ai servizi della Pubblica Amministrazione.

L’app IO è l’esito di un progetto open source nato con l’obiettivo di mettere a disposizione di Enti e cittadini un unico canale da cui fruire di tutti i servizi pubblici digitali, quale pilastro della strategia del Governo italiano per la cittadinanza digitale. La visione alla base di IO è mettere al centro il cittadino nell’interazione con la Pubblica Amministrazione, attraverso un’applicazione semplice e intuitiva disponibile direttamente sul proprio smartphone.

“Negli ultimi anni – nota il sindaco di Loano Luigi Pignocca – il nostro Comune è andato incontro ad una progressiva e sempre più rapida digitalizzazione dei servizi. Oggi è possibile entrare in contatto con gli uffici ed espletare un gran numero di pratiche senza nemmeno uscire di casa, ma semplicemente utilizzando un Pc od un tablet. Tale processo, iniziato quasi dieci anni fa, si è reso ancora più necessario in questo momento di emergenza sanitaria: ridurre il più possibile l’accesso del pubblico agli uffici rappresenta un altro modo per tutelare la salute di cittadini e dipendenti comunali. Nell’epoca del ‘mondo a portata di click’, in cui le intere nostre vite sono contenute negli smartphone, ci è sembrato del tutto naturale interfacciare i servizi online offerti dal nostro Comune con l’app IO, che si propone proprio di semplificare il rapporto tra le Pubbliche Amministrazioni ed i cittadini ed instaurare un canale di comunicazione privilegiato e sempre più diretto”.

L’assessore all’innovazione tecnologica Manuela Zunino aggiunge: “Tramite l’app Io, i nostri concittadini potranno accedere a tanti servizi direttamente dal loro smartphone: dallo Sportello Unico per l’edilizia ai permessi per l’accesso in ztl; dalla presentazione della domanda per occupazione di suolo pubblico a quella per la rateizzazione di sanzioni pecuniarie per violazione codice della strada. Al momento abbiamo già attivato undici servizi e altri saranno attivati a breve, come ad esempio il servizio di notifiche per scadenza pagamento multe”.

IO permette alle Pubbliche Amministrazioni di: inviare comunicazioni ai cittadini tramite messaggi di notifica in app, semplicemente conoscendo il loro codice fiscale (senza dover chiedere un indirizzo di contatto); comunicare e gestire le scadenze e ricevere pagamenti elettronici con maggiore facilità; inviare, ottenere e gestire documenti (atti, notifiche, certificati) in modo semplice e efficiente; gestire le preferenze di ogni cittadino in modo centralizzato; ridurre i costi di gestione (delle notifiche, dei pagamenti, ecc.); facilitare i pagamenti e ridurre i costi di recupero dei crediti.

La app IO permette ai cittadini di: ricevere tutti i messaggi della Pubblica Amministrazione sul proprio smartphone, personalizzati, con la possibilità di gestirli in un archivio; gestire i propri contatti di recapito da un unico punto, con la facoltà di scegliere in ogni momento da quali servizi farsi contattare; essere sempre aggiornati sulle scadenze e gestire gli avvisi in modalità “integrata” (aggiungendo i promemoria nel proprio calendario personale con un clic); ricevere avvisi di pagamento, con la possibilità di pagare servizi e tributi dalla app in pochi secondi; effettuare pagamenti verso la Pubblica Amministrazione attraverso pagoPA, in perfetta sicurezza e con diversi metodi di pagamento supportati (carte di credito, bancomat, PayPal, ecc.); portare sempre con sé lo storico delle operazioni e le relative ricevute di pagamento; ricevere e conservare documenti, ricevute, certificati direttamente nel proprio smartphone e condividerli con un ufficio pubblico in pochi clic; eleggere direttamente dalla app il proprio domicilio digitale (ad esempio per ricevere le raccomandate a valore legale presso un indirizzo PEC); richiedere bonus e sconti, legati a iniziative o programmi specifici.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.