Presenza

In corso Ricci a Savona attiva la nuova sede della Croce Oro di Albissola: “Pronti a metterci al servizio della popolazione” fotogallery

L'obiettivo è dare una mano alle altre associazioni amiche, la Croce Bianca e la Croce Rossa di Savona, ad offrire un servizio sempre più efficiente e puntuale

Savona. E’ attiva da oggi, lunedì 28 giugno, la nuova sede della Croce Oro di Albissola Marina allestita in corso Ricci a Savona.

Come specifica il presidente della pubblica assistenza, Alessio Salis, l’obiettivo è dare una mano alle altre associazioni amiche, la Croce Bianca e la Croce Rossa di Savona, ad offrire un servizio sempre più efficiente e puntuale: “Dopo il periodo Covid – spiega – abbiamo incrementato notevolmente i nostri servizi. Già da qualche anno, tuttavia, stiamo operando anche sul territorio di Savona. Per questo motivo, abbiamo ritenuto opportuno aprire questa nuova postazione per aiutare le altre associazioni a dare un servizio sempre migliore”.

Una “invasione di campo” solidale, quella dei volontari albissolesi sul territorio savonese, dovuta principalmente a mere ragioni matematiche: al momento in città il 60 per cento degli interventi viene effettuato dalla Croce Bianca savonese, il 20 per cento dalla Croce Rossa ed un altro 20 per cento da mezzi provenienti dalla vicina Albissola: “Purtroppo i numeri sono sempre in crescita – spiega ancora Salis – Le richieste di servizi ordinari e di urgenza sono aumentate. Le associazioni fanno quel che possono e perciò c’è bisogno dell’aiuto di tutti”.

La nuova sede ospita due mezzi ed il relativo personale sanitario: “Per fortuna – spiega il presidente della Croce – abbiamo trovato un’ottima persona, il dottor Como, che ci ha concesso l’utilizzo di parte del suo studio, che era già suddiviso in diversi ambienti. Noi lo abbiamo ristrutturato per adattarlo alle nostre esigenze. Voglio ringraziare il dottore e tutti i nostri volontari per aver permesso (e continuare a permettere) tutto questo. Senza di loro non potremmo fare nulla del genere”.

E ora la sfida sarà garantire il funzionamento di due sedi su due città diverse per 24 ore al giorno: “Faremo il possibile. Stiamo definendo l’organizzazione, ma sarà davvero una bella sfida organizzativa e pratica”, conclude Salis.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.