Imu, Russo (Fdi): "Il governo lo elimini per i proprietari di case occupate abusivamente o con inquilini morosi" - IVG.it
Proposta

Imu, Russo (Fdi): “Il governo lo elimini per i proprietari di case occupate abusivamente o con inquilini morosi”

Il consigliere regionale ha presentato un ordine del giorno in Regione

Generica

Liguria. “Il Governo si attivi ad eliminare subito l’Imu a carico dei proprietari di abitazioni occupate abusivamente o con inquilini morosi e adotti immediatamente misure urgenti per porre fine a questa situazione di incertezza ed ingiustizia sociale che è motivo di grande preoccupazione per la cittadinanza”.

E’ la proposta contenuta in un ordine del giorno presentato del consigliere regionale di Fratelli d’Italia Veronica Russo e sostenuto da tutto il gruppo consigliare.

“Nonostante per legge sia impossibile, per chi occupa abusivamente un’abitazione, chiedere la residenza nello stesso e allacciare le utenze – spiega Russo – l’abusivismo di case di proprietà privata o pubblica temporaneamente vuote sta assumendo dimensioni sempre più vaste e preoccupanti e sta diventando una piaga sociale che lascia nella rabbia e nell’incertezza i legittimi proprietari che, come dimostrano i fatti, non riescono a sgomberare le case dagli abusivi”.

“Inoltre la legge non prevede direttamente che si debbano trovare alternative abitative per gli occupanti ma stabilisce che siano i prefetti e i sindaci gli arbitri delle modalità e delle tempistiche con cui i legittimi proprietari potranno rientrare in possesso dei loro beni – prosegue la consigliera – E quindi se un giudice ordina uno sgombero si deve passare dal prefetto per renderlo esecutivo; sta poi al Prefetto decidere, tenendo conto di ‘possibili turbative dell’ordine e della sicurezza’, se mandare le forze dell’ordine.

“Inoltre – aggiunge – il Prefetto deve tener conto anche della tutela dei nuclei familiari in situazioni di disagio economico e sociale e spesso capita che, in caso ‘di presenza di persone minorenni o meritevoli di tutela’ oppure per motivi di ‘tutela delle condizioni igienico-sanitarie’, i sindaci possono decidere di riconoscere agli occupanti il diritto a stabilire la residenza nell’immobile occupato oppure ad avere una casa assegnata dal Comune. Il paradosso è che, se si tratta di edilizia popolare, può capitare che essa sia la stessa che hanno sottratto a chi ne aveva diritto”.

“Vogliamo quindi che venga salvaguardato il sacrosanto diritto alla proprietà sancito dalla nostra Costituzione visto che sono troppe le persone vittime di occupazione abusiva anche da parte di chi in realtà non si trova affatto in condizioni di necessità e di pericolo. Spesso, questi occupanti abusivi sono così violenti da arrivare anche a minacciare di morte i legittimi proprietari, i quali per rientrare in possesso della propria abitazione, devono adire le vie legali che comportano spese elevate e tempi lunghissimi”, conclude Veronica Russo.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.