Giovane accerchiato e colpito dal branco per rubargli il cellulare: un arresto - IVG.it
In carcere

Giovane accerchiato e colpito dal branco per rubargli il cellulare: un arresto

E' successo a Savona in via don Minzoni: accusa di rapina aggravata in concorso, caccia ai complici

Savona, controlli dei carabinieri in città

Savona. I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Savona hanno dato esecuzione all’ordine di custodia cautelare in carcere emesso dal Gip del Tribunale di Savona nei confronti di un 45enne, P.A., per il reato di rapina aggravata in concorso.

Il fatto risale alla serata dello scorso 24 aprile 2021, quando un giovane originario del Bangladesh è stato avvicinato da tre individui nella centrale via don Minzoni: dopo un primo approccio verbale lo hanno rapinato dell’unico oggetto di valore in suo possesso, il cellulare che aveva in mano. Il giovane è stato accerchiato e colpito ripetutamente anche quando ha provato a scappare, poi è caduto e gli hanno sottratto il telefono.

All’arrivo dei soccorsi, allertati da un passante, il ragazzo era visibilmente scosso e spaventato: la vittima è stata accompagnata al pronto soccorso, dove sono stati riscontrati i segni dell’aggressione che, fortunatamente, non ha avuto conseguenze gravi.

Le indagini sono state tempestive e si sono svolte su più fronti: sono state visionate tutte le telecamere pubbliche e private installate nella zona, sono stati effettuati servizi di osservazione ed individuati alcuni testimoni al fatto. Tutti gli accertamenti hanno permesso di ricostruire un quadro indiziario solido che ha trovato il parere concorde dell’Autorità Giudiziaria, che ha disposto la misura cautelare in carcere per l’uomo che materialmente ha sottratto il telefono cellulare.

Le indagini sono attualmente in corso per individuare i due complici.

Il 45enne si trova ora in carcere a Genova Marassi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria e dovrà rispondere del reato di rapina aggravata in concorso.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.