Asl2, prevista tappa ligure del 2° congresso nazionale Fnopi: sarà sabato 12 giugno - IVG.it
Incontri

Asl2, prevista tappa ligure del 2° congresso nazionale Fnopi: sarà sabato 12 giugno

Asl savonese: "Momento strategico per lanciare e sostenere nuovo modello di assistenza di prossimità capace di garantire cure efficaci, efficienti e di qualità"

nuovo logo asl2

Savona. Sabato 12 giugno è in programma nella città della Torretta la tappa ligure del 2° congresso nazionale FNOPI che quest’anno, per rispettare le normative anti-covid ha dovuto rinunciare alla forma tradizionale del convegno e si è fatto itinerante trasformandosi in un calendario di incontri tecnici, con un numero di partecipanti limitati, organizzati lungo tutto il territorio nazionale.

L’incontro di apertura si è tenuto a Firenze il 12 maggio, la seconda tappa si terrà nel Nord ovest nelle giornate dell’11 e 12 giugno con tre appuntamenti quasi simultanei in Lombardia, Piemonte e Liguria sul tema di grande attualità “Infermieristica di prossimità per un sistema salute più giusto ed efficace”. L’appuntamento ligure è previsto a Savona questo sabato, dalle ore 10 alle 13 presso la Fortezza del Priamar, con un Tavolo di Lavoro congiunto FNOPI-OPI-ASL 2. All’incontro sarà presente il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa e per Regione Liguria il presidente della commissione Sanità Brunello Brunetto. Sarà l’occasione per premiare alcune eccellenze infermieristiche della Liguria primo fra tutti la figura dell’infermiere di famiglia e di comunità.

“Riteniamo che sia proprio questo il momento strategico per lanciare e sostenere questo nuovo modello di assistenza di prossimità, capace di garantire cure efficaci, efficienti e di qualità. Un modello che prevede un forte intreccio tra intervento sanitario e intervento sociale e che permette al cittadino di scegliere la propria casa quale luogo privilegiato, sicuro e protetto in cui ricevere le cure di cui ha bisogno” afferma Barbara Mangiacavalli, presidente FNOPI.

Per quanto riguarda i progetti premiati, in Liguria, dove le aree interne si caratterizzano per l’elevata presenza di over 65 (mediamente oltre il 35%), si è partiti dalle zone più lontane dagli ospedali, come il Parco dell’Antola e ora l’area Beigua-Sol (ASL 3), dove grazie a un accordo di programma quadro, è previsto l’inserimento per un periodo di 3 anni della figura dell’IFeC per aiutare gli anziani a vivere autonomamente al proprio domicilio attraverso una prevenzione innovativa: attraverso visite periodiche l’infermiere, con il coinvolgimento attivo dei medici di medicina generale, valuta i fattori di rischio, attiva misure di assistenza sanitaria e/o sociale e promuove sani stili di vita.

L’Asl2 – distretto delle Bormide – ha a sua volta avviato un progetto per intercettare i bisogni di salute, ritardare l’ospedalizzazione e favorire l’educazione sanitaria, grazie a team multi-professionali, piani assistenziali personalizzati e intensa attività di follow up. “Nel distretto Savonese Sassello, al fine di consolidare e implementare soluzioni innovative per migliorare i servizi essenziali alla cittadinanza nei comuni di Sassello e Urbe (caratterizzati da bassa densità demografica e distanza elevata dalle strutture ospedaliere), l’azienda ha messo in atto una strategia per incentivare la presenza dell’IFeC e il servizio di telemedicina” fanno sapere dall’Asl2.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.