Under 18 Eccellenza, Pallacanestro Vado: arriva un altro referto rosa - IVG.it
Basket

Under 18 Eccellenza, Pallacanestro Vado: arriva un altro referto rosa

I biancorossi rimontano e si aggiudicano la battaglia col Cus Torino

Pallacanestro Vado Vs Umana Reyer Venezia

Vado Ligure. Terza partita e debutto casalingo per la squadra Under 18 Eccellenza della Pallacanestro Vado che ospita il Cus Torino, formazione ostica ed intensa a cui i biancorossi sono appaiati in classifica.

Vado ancora a ranghi ridotti tra gli esterni, senza i lungodegenti Genta, Fantino e Giannone, con soli nove effettivi a referto.

Al via i torinesi mettono subito il piede sull’acceleratore, intensi ed aggressivi, come ci si aspettava. Saperlo non corrisponde a farsi trovare pronti, così i pappagalli si fanno sorprendere mettendo in mostra il marchio di fabbrica di questo periodo, le palle perse. Il Cus prende un po’ di vantaggio e ci vuole un time-out per fermarne la fuga. Al rientro i liguri sembrano più sul pezzo, difendono con più durezza ma in attacco gli errori sono troppi. Il primo quarto si chiude sotto la doppia cifra di svantaggio 15 a 24: poteva andare peggio, ma sono troppi i punti concessi.

Il secondo quarto è un’altra storia: Vado ritrova la solidità difensiva che l’ha tenuta a galla in queste partite, Lebediev mette un po’ di ordine all’attacco e le giocate di Squeri permettono di recuperare punti. Poco dopo la metà del quarto però la situazione falli si fa complicata a causa delle rotazioni ridotte. I due falli di Squeri e i tre di Bontempi sono un problema che costringe a passare a zona. Le prime azioni la mossa sembra dare i suoi frutti e i pappagalli si ritrovano a sorpresa anche in vantaggio, però i torinesi sono bravi ad adeguarsi trovando buoni tiri che consentono loro di chiudere il primo tempo nuovamente in vantaggio 36 a 37.

Il secondo tempo comincia con Vado che, con qualche adattamento, continua a zona per preservare i falli. Il problema resta l’impatto iniziale con l’energia del Cus e la tendenza a regalare palle perse, questo porta gli ospiti a riprendere qualche possesso di vantaggio che costringe subito lo staff vadese ad un time-out. Rientrati in campo la difesa riesce a chiudere la via del canestro ai torinesi che segnano solo sulle tipiche palle perse di Vado o su qualche tiro da tre estemporaneo. I pappagalli riescono a trovare con capitan Bertolotti i punti per stare a contatto e il quarto termina 39 a 40: nulla di fatto, a deciderla saranno gli ultimi dieci minuti.

L’inizio sembra promettente, i liguri passano in vantaggio ma ben presto l’ennesima palla persa riporta a contatto gli ospiti che rispondono colpo su colpo. La zona vadese è solida e difficile da scalfire, finalmente in attacco si riesce trovare le giocate giuste servendo i lunghi, con Abba che fa la voce grossa. Vado così prende due possessi di vantaggio e con una buona situazione falli torna a uomo e chiude la strada per il canestro agli avversari, concludendo la partita con una bellissima schiacciata di Abba servito da Bontempi. Altro referto rosa al termine di una vera e propria battaglia: onore agli avversari che hanno giocato con grande energia.

I pappagalli non muoiono mai ma se vogliono fare passi avanti devono assolutamente migliorare nella gestione della palla, troppe sanguinose palle perse hanno condizionato il match. Nel frattempo si spera di recuperare qualche assente per i prossimi impegni ravvicinati” è il commento dello staff tecnico vadese.

Il tabellino della partita valevole per la 5ª giornata:
Azimut Pallacanestro Vado – Mastro Viaggiatore Cus Torino 71-62
(Parziali: 15-24; 36-37; 49-50)
Azimut Pallacanestro Vado: Bertolotti 14, Adamu 17, Biorac 10, Lebediev 2, Guidi 3, Squeri 14, Tridondani, Bontempi 8, Franchello 3. All. Imarisio, Saltarelli.
Mastro Viaggiatore Cus Torino: Arrighini 6, Boglione, Canistro 9, Corino 16, Rua ne, Stella 3, Badariotti, Massa 2, Porcella 12, Pecchenino 8, Bargossi 9, Savio. All. Ancona, Italia.
Arbitri: Mammola (Chiavari) e Mariani (Genova).

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.