Terrazza a mare a Spotorno, un'albergatrice contro il sindaco: "In 4 anni nessuna risposta dall’amministrazione" - IVG.it
Sfogo

Terrazza a mare a Spotorno, un’albergatrice contro il sindaco: “In 4 anni nessuna risposta dall’amministrazione”

Duro anche il commento del consigliere di minoranza Riccobene: "In cinque anni non sono stati in grado di terminare i lavori"

Lavori Spotorno terrazza mare

Spotorno. “Ho un’attività a Spotorno, forse una delle più grandi, ho 30 dipendenti, la maggior parte del paese. Negli ultimi 3 anni c’è stata una mareggiata che ha provocato gravi danni alla struttura e la pandemia che ancora oggi limita e condiziona il lavoro di tutti noi. Nel 2018, quando il Comune di Spotorno ha iniziato i lavori di riqualificazione della terrazza a mare, mi era stato detto che avrei dovuto ‘sopportare’ 6 mesi perché questa era la durata prevista della ristrutturazione. Ma dopo 4 anni sono stanca di sopportare!”.

Inizia così il duro sfogo di un’albergatrice di Spotorno, che da diversi anni si ritrova costretta a sopportare i disagi dovuti al rifacimento della terrazza a mare. Il suo hotel, infatti, è proprio affacciato su di essa.

Uno sfogo duro verso l’amministrazione guidata da Mattia Fiorini quello dell’albergatrice, che prosegue: “L’accesso allo stabilimento balneare, per cui pago la concessione, e al bar sulla spiaggia é stato ed é tuttora chiuso (tutti gli altri stabilimenti hanno potuto aprire). Non ho avuto alcuna comunicazione in merito ai lavori e relative tempistiche né, tantomeno, mai una risposta alle mie richieste ufficiali”.

“I miei clienti hanno dovuto sopportare rumori alle 7 del mattino e polvere all’ora di pranzo nei mesi di luglio e agosto (gli unici in cui l’impresa ha lavorato!). Sia la visibilità che l’accesso alla mia attività é difficoltoso e pericoloso (segnaletica, messa in sicurezza del cantiere, ecc. assenti) in particolar modo alla sera quando l’illuminazione è insufficiente (anche se secondo il Sig. Sindaco nei mesi estivi beneficiamo delle luminarie del Luna Park)” continua.

Infine, conclude: “Potrei continuare ma sono davvero stanca di sopportare una situazione che, a causa di una pessima gestione, ha provocato e continua a provocare (fino a quando? Aprile, maggio, luglio, settembre?) a me e, di conseguenza, anche alle persone che lavorano con me molti problemi soprattutto economici. Credevo che Spotorno fosse un paese turistico ma forse solo fino al fiume perché tutta la zona dal ponte in poi é in totale stato di abbandono!”.

Sulla questione “Terrazza Mare” duro interviene anche il capogruppo consiliare di “Adesso Spotorno” Francesco Riccobene:  “Pare assolutamente incomprensibile come l’amministrazione Fiorini in cinque anni non sia stata in grado di completare i lavori di sistemazione della Terrazza a Mare. Il progetto della sua messa in sicurezza nasce dalla precedente amministrazione Calvi e questa amministrazione pur potendo attingere ai fondi accantonati per nove anni dalle altre amministrazioni – circa 5 milioni di euro del patto di stabilità svincolati dallo stato – non è riuscita a completarlo”.

“Occorre anche ricordare – spiega l’esponente di minoranza – quante ironie suscitarono le parole del Sindaco che di fronte alle critiche per il continuo stato di totale abbandono in cui versava il cantiere affermava sui social che gli addetti dell’impresa „lavoravano sotto” la Terrazza, nel fiume. Ma sotto non c’era nessuno, e per anni non c’è stato nessuno.
Poi c’è la storia di quanto è costata ai cittadini che hanno visto lievitare l’importo da un iniziale 600.000 ad oltre un milione di euro. Ma c’e di più, il progetto è pure sbagliato.
Come è noto, infatti, la terrazza ospitava e ospiterà le sagre locali della Croce Bianca, dell’Avis e della Polisportiva e nonostante la mia proposta, che venisse realizzato un locale che ospitasse sia i servizi igienici pubblici, che una cucina arredata e completamente allestita, così da facilitare il lavoro dei volontari, questa amministrazione ha deciso – come sempre – di far di testa propria e così oggi non avremo nessuna delle due strutture. Con i disagi del caso”.

“E ancora – prosegue Riccobene -. Come si può pensare che un cantiere così ampio e in una zona strategica non influenzi negativamente le attività commerciali e ricettive confinanti, che per cinque anni hanno sofferto di un totale stato di abbandono. L’Hotel Tirreno 4 stelle, che da anni lamenta l’assoluta indifferenza del Sindaco, la Gelateria Red House, la Pizzeria, il Tabaccaio, il Bar Splendid, la Caffetteria Spotorno e l’Hotel Mimosa. Nel caso dell’Hotel Tirreno però la questione è molto più grave perché la struttura è di grande appeal turistico ed i proprietari combattono da anni non solo contro la crisi pandemica, ma anche contro un degrado inaccettabile”.

“Ma questa amministrazione non ha mostrato il minimo segnale di interesse per il lavoro di un azienda che attrae migliaia di turisti e che dà lavoro a decine di addetti. Inoltre non è mai stato curato un passaggio pedonale agevole e spesso solo dopo ripetute proteste si è intervenuti per sistemare le reti di protezione del cantiere pericolosamente scardinate dal vento, dall’incuria e dall’abbandono. Ed un’altra stagione turistica è alle porte con la prospettiva di altri mesi di scandaloso ritardo. Certamente anche dovuti all’ansia elettorale del Sindaco che ha necessità di inaugurare qualcosa a ridosso del voto. Come nel caso dell’ascensore di via delle Strette che finito nel 2017 ha dovuto attendere anni prima di essere inaugurato e messo in funzione” conclude.

Più informazioni
leggi anche
Lavori Spotorno terrazza mare
Interpellanza
Lavori sulla terrazza mare di Spotorno, le minoranze: “Cantiere fermo, quanto bisognerà aspettare ancora?”
Generico maggio 2021
Commento
Riqualificazione terrazza a mare di Spotorno, consigliere Spiga: “Non è che i lavori finiscano in concomitanza con le elezioni?”
terrazza a mare spotorno
Scontenti
Spotorno, minoranze contro la nuova Terrazza a Mare: “Inadeguata per stile e materiali, ed è costata il doppio del previsto”
terrazza a mare spotorno
Affondo
Nuova Terrazza a Mare di Spotorno, Riccobene rincara: “Silenzio imbarazzante del sindaco”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.