Stefano Leoni in esclusiva a IVG: "David di Donatello? Emozionato ma tranquillo. Legato a Spotorno, autostrade permettendo..." - IVG.it
Intervista

Stefano Leoni in esclusiva a IVG: “David di Donatello? Emozionato ma tranquillo. Legato a Spotorno, autostrade permettendo…”

Dopo gli studi al Ferraris di Savona è andato in Australia per laurearsi in Computer Animation

Savona. Non si chiama Sergio ma Stefano, il suo cognome non è Leone ma Leoni. La sua passione è sempre il cinema, non come regista ma come tecnico degli effetti visivi. Ecco chi è il savonese che ieri sera ha ricevuto il David di Donatello nella categoria effetti visivi per il film “L’incredibile storia dell’Isola delle Rose”.

“Ho provato un’emozione forte, ma ero tranquillo – racconta a IVG – Avrei avuto più paura ad affrontare un intervento chirurgico”. Scherza il savonese che già in passato aveva provato le brezza della candidatura all’equivalente italiano dell’Oscar con Edi, l’azienda di effetti visivi digitali leader in Italia di cui è socio. Ora, però, può festeggiare il primo riconoscimento a titolo personale della sua carriera ventennale, in quanto il concorso cinematografico da 3 anni ha deciso di premiare i supervisori dei film e non più le società.

Un lavoro, quello sulla pellicola andata in onda su Netflix e diretta Sidney Sibilia, che ha richiesto uno staff di 60 persone e circa un anno e mezzo. “Il Covid-19 di certo non ci ha aiutato – svela Leoni – è stata la più grande difficoltà. In questo settore siamo abituati a lavorare da remoto, ma non potersi confrontare di persona con i colleghi ha complicato il tutto”.

A QUESTO LINK IL “MAKING OF” DEL FILM

Leoni ora vive a Milano con la moglie Greta e i suoi due figli, a cui ha dedicato la vittoria, ma non dimentica le sue origini. “Sono legato alla Liguria, dove quando posso faccio sempre un salto, autostrade permettendo – scherza – Spesso vengo a Spotorno, mio paese d’origine, dove ancora vivono i miei genitori. A Savona mi sono diplomato all’istituto Galileo Ferraris prima di andare all’estero, in Australia, e laurearmi in Computer Animation”.

stefano leoni david donatello
Il momento della consegna del David

Ha preso così il via la sua carriera, con collaborazioni in numerosi film inizialmente all’estero e poi anche in Italia, dove si sta cercando di rendere il cinema sempre più appetibile e di qualità. “Grazie a Netflix, Amazon, Disney, ma anche e soprattutto Rai Cinema l’obiettivo è quello di creare prodotti di altissima qualità per poterli anche esportare. In questo gli effetti visivi danno un grande apporto – spiega – arricchiscono notevolmente la storia e permettono a produttori, registi e sceneggiatori di lavorare con la fantasia”.

leggi anche
  • Riconoscimento prestigioso
    Savona nell’élite del cinema italiano: lo spotornese Stefano Leoni vince il David di Donatello
    stefano leoni david donatello

Tra le grandi produzioni in uscita a cui ha lavorato Leoni anche “Freaks Out”, diretto da Gabriele Mainetti, nei cinema da ottobre. Una pellicola ambientata nella seconda guerra mondiale con 4 fratelli del circo di Israel che cercano di fuggire dai nazisti. “Un altro esempio – conclude Leoni – di come si possano creare effetti incredibili e contribuire a rendere la storia ancora più densa ed emozionante”.

E se il suo lavoro è creare effetti che sembrino reali e ci trasportino in universo parallelo, noi spettatori non possiamo che accomodarci sulle poltrone per goderci lo spettacolo e tifare per un concittadino che ha portato in alto il nome di Savona.

leggi anche
  • Riconoscimento prestigioso
    Savona nell’élite del cinema italiano: lo spotornese Stefano Leoni vince il David di Donatello
    stefano leoni david donatello
  • A casa
    Dopo il David, il ritorno alle origini: Stefano Leoni sarà in visita a Spotorno
    Stefano Leoni
  • Quante cose!
    Competizioni sportive, incontri culturali, mostre, laboratori per famiglie: una copiosità di eventi nel fine settimana in provincia
    Granfondo Laigueglia -Lapierre

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.