Savona, una lettrice: "Darsena stracolma e un locale chiede di condividere il tavolo con altri clienti sconosciuti" - IVG.it

Lettera al direttore

Savona, una lettrice: “Darsena stracolma e un locale chiede di condividere il tavolo con altri clienti sconosciuti”

"Inoltre poca pulizia e tavoli troppo vicini. Il buon senso sembra solo una pia illusione"

Savona. Mi permetto di scrivere ad IVG in quanto vostra lettrice ed abitante di Savona. Il 2 maggio essendo il compleanno di mio figlio (11 anni da festeggiare con mamma e papà perché una festa con gli amici non è possibile) abbiamo deciso di pranzare in Darsena. Complice il tempo che ha concesso una tregua, la zona del porto era stracolma di gente!

Normale che sia così visto il lungo periodo di restrizioni (in fondo eravamo in giro pure noi!) ma quello che mi pare un po’ meno normale è stato vedere i dehors dei locali così poco “distanziati” (non tutti fortunatamente…. ). Il numero di tavoli presenti oggi differisce davvero di poco da quello di un paio di anni fa. Pranzare schiena contro schiena con i clienti di un altro tavolo non mi è mai piaciuto, figuriamoci in questo momento. Assistere poi alla pulizia di un tavolo tra un cliente e l’altro e notare che consiste quasi solo nel togliere le briciole (uno straccio e nessun detergente) non mi sembra adeguato.

Il massimo poi arriva quando il responsabile del locale chiede ad una famiglia già seduta se hanno qualcosa in contrario a condividere il tavolo (di circa 150 cm per 80) con una coppia di clienti appena arrivati…. Cosa??? Va bene siamo all’aperto ma… Non mi soffermo su chi ti porta i piatti ed ha la mascherina solo sulla bocca perché gli occhiali altrimenti si appannano… Non scrivo per mettere in croce la categoria che ha dovuto affrontare un “annus horribilis” (molti miei amici sono ristoratori o hanno un bar) ma solo per dar sfogo ai miei dubbi e cercare di capire perché sembra che nulla sia cambiato…

Il famoso buon senso delle persone che tanti citano come uno dei rimedi fondamentali per superare questa difficile situazione sembra non essere altro che una pia illusione…. E se le persone non dimostrano buon senso vi dovrebbe essere qualcuno che vigila ed eventualmente “bacchetta” (non voglio una pioggia di multe e chiusure) un po’ chi sbaglia… Magari un pochino di fermezza verso chi sgarra volutamente… Ma…. nulla! Nessuno! Mi sono dilungata e me ne scuso ma ho anch’io tanta voglia di ritornare a vivere bene, serena e libera ma non credo sarà possibile a breve se tanti, troppi se ne “fregheranno” di tutto e di tutti.

 

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.