Riconoscimento prestigioso

Savona nell’élite del cinema italiano: lo spotornese Stefano Leoni vince il David di Donatello

Come migliori effetti speciali visivi nel film “L’incredibile storia dell’Isola delle Rose”

Savona nell’élite del cinema italiano: Stefano Leoni, originario di Spotorno, ha vinto il David di Donatello per migliori effetti speciali visivi nel film L’incredibile storia dell’Isola delle Rose”.

La pellicola del 2020, diretta da Sydney Sibilia con protagonista Elio Germano nei panni di Giorgio Rosa, è disponibile su Netflix dallo scorso dicembre. Una storia vera, ma non un documentario, che in 118 minuti narra una vicenda accaduta negli anni ’60 in Italia, ovvero quella della Repubblica Esperantista dell’Isola delle Rose istituita a sei miglia al largo di Rimini su una piattaforma in acciaio. L’unica guerra d’invasione della Repubblica Italiana.

Il film ha riscosso subito molto successo da parte del pubblico e della critica: numerose le candidature al David di Donatello 2021 (11 in totale) e tre i premi. Oltre al savonese Stefano Leoni – che ha vinto il prestigioso riconoscimento insieme a Elisabetta Rocca – premiati anche Matilde De Angelis e Fabrizio Bentivoglio, rispettivamente come miglior attrice e miglior attore non protagonista.

A consegnare il premio è stato Pietro Castellitto, figlio di Sergio e interprete di Francesco Totti nella serie “Speravo de mori’ prima”. “Voglio innanzitutto salutare e ringraziare Elisabetta Rocca, che era candidata con me – ha esordito Leoni durante la premiazione – Ce l’abbiamo fatta”. Dopo la grande soddisfazione, anche i ringraziamenti “a Edi (Effetti Digitali Italiani) e tutti i ragazzi che hanno lavorato al film, un lavoro incredibile. A Sibilia che ci ha coinvolti in questa pellicola con entusiasmo: lavorare con lui è stato un divertimento continuo. E anche a Groenlandia Group, Matteo Rovere e Netflix, che ci ha sempre supportato”.

E poi la dedica: “Ai miei compagni di viaggio Franz, Gaia, Pasquale Croce e Francesco Grisi che sono nati con me negli effetti visivi, devo loro tantissimo. L’ultima dedica è per mia moglie Greta, i miei bambini Diego e Linda, mia mamma e mio papà”, ha affermato Leoni.

Stefano Leoni David Donatello

Prima di concludere, Leoni è stato anche protagonista di un siparietto. Alla domanda del presentatore Carlo Conti “Chissà quante volte ti hanno chiesto se quella tempesta sulla piattaforma era vera o se era un tuo effetto visivo…”, Leoni risponde: “Sì, i bambini hanno vissuto tutte le call su zoom e tutte le reviews fatte con Sidney. Era divertentissimo, una gran caciara: mia moglie non riusciva neanche a lavorare…”.

leggi anche
Stefano Leoni
Intervista
Stefano Leoni in esclusiva a IVG: “David di Donatello? Emozionato ma tranquillo. Legato a Spotorno, autostrade permettendo…”
Stefano Leoni
A casa
Dopo il David, il ritorno alle origini: Stefano Leoni sarà in visita a Spotorno

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.