Poca attenzione per le aree canine nel savonese: servizi essenziali ma poche attrezzature per il gioco e l'allenamento - IVG.it
Not good

Poca attenzione per le aree canine nel savonese: servizi essenziali ma poche attrezzature per il gioco e l’allenamento fotogallery

Erbacce, piattaforme in cemento non riparate dal sole: il nostro viaggio alla scoperta degli spazi dedicati ai nostri amici a quattro zampe

Aree canine del savonese

Provincia. Disseminate sul territorio savonese, in alcuni casi (rari) più di una per città, sono le aree dedicate al libero sgabamento dei cani. Alcune versano in buone condizioni, altre in cattivo stato, ma nessuna possiamo dire di averla trovata in ottime condizioni. IVG.it ha deciso di avviare un reportage toccando alcune tra le principali aree canine presenti sul territorio. Ecco cosa abbiamo visto.

Albenga

Il nostro viaggio inizia all’estremo ponente, ad Albenga in viale 8 marzo, dove è presente un’estesa area verde, munita di cestini per la raccolta delle deiezioni canine, abbeveratoi e panchine, tutti elementi che offrono una buona occasione per trascorrere delle ore all’aria aperta con il primo amico a quattro zampe, anche la sera: quando i raggi del sole lasciano il posto al buio, infatti, le luci dei lampioni che attraversano l’area interamente recintata si accendono. Questo campo dedicato alla sgambamento è stato inaugurato dall’amministrazione comunale nel dicembre del 2016, ma ne esistono altre in città come quella in via Pontelungo, che può rappresentare un’alternativa valida per padroni e animali.

Aree canine del savonese

Pietra Ligure

A Pietra Ligure sono numerosi i residenti non soddisfatti delle aree canine che presenta la città. Una signora, padrona di un cane di media taglia, ci racconta: “In città non abbiamo un’area che possa dirsi dedicata ai cani. L’attuale area canina in via Morelli è lontana dal centro e dal mare e non versa sempre in buone condizioni di pulizia e cura“. Ed è così che la donna preferisce passare dei momenti all’aria aperta con il proprio cane nel parco pubblico di Pietra Ligure, oggetto di maggiori cure da parte dell’amministrazione comunale con erba curata e panchine più comode, un sistema di illuminazione migliore e maggiore pulizia: “E’ davvero un peccato che il Comune non riesca a realizzare un’area canina confortevole – aggiunge la signora -, pensare che in città abbiamo diverse aree verdi belle e curate, ma qui non è possibile lasciare libero il cane di correre senza guinzaglio. Speriamo che presto la mia richiesta, come quella di tante altre persone, possa essere ascoltata”.

Aree canine del savonese

Finale Ligure

Anche a Finale Ligure tra i frequentatori dell’unica area canina della città, chiamata “Il giardino di Camilla”, situata in una zona un po’ nascosta, alle spalle del campo Borel, la soddisfazione sembra ancora un miraggio: “L’area è grande, è dotata di panchine e un rubinetto, ma lo strato di cemento che occupa buona parte dell’area canina non è molto adatto agli animali: con il sole la piattaforma diventa rovente e impraticabile, soprattutto d’estate” spiega un finalese che frequenta quotidianamente l’area. “Anche le reti che circondano lo spazio sono rovinate e aperte in più punti – aggiunge una ragazza -, è facile che le palline con cui facciamo giocare i nostri cani cadano giù o che alcuni cani di piccola taglia possano infilarcisi”. Ma il pensiero comune è questo: “Purtroppo è l’unica area dedicata ai cani che abbiamo in città, e anche se la sera è accessibile a tutti, dobbiamo farcela andare bene”. La prima area canina di Finale Ligure, infatti, è stata realizzata nel dicembre del 2017 e presenta alcuni rifiuti a terra. L’area è dotata di cestini generici e non riservati alla raccolta di rifiuti organici, e non sono presenti attrezzi specifici per il gioco.

Aree canine del savonese

Spotorno

Dirigendosi verso il levante savonese, la situazione migliora leggermente a Spotorno. L’area canina situata all’interno del grande parco Monticello risulta disposta su due piani e soggetta spesso a disinfezioni: l’ultima è stata realizzata giovedì 6 maggio. Nonostante l’erba non versi in condizioni ottime, con solo qualche “isola” verde circondata di terra, l’area è comunque dotata di attrezzature per l’attività fisica del cane come ostacoli da saltare, pedane e cerchi. L’area inoltre è dotata di un sistema di illuminazione e di un cancello per la chiusura dell’area. Peccato però che in alcuni punti dell’area abbiamo trovato dei rifiuti abbandonati e dei vandalismi.

Aree canine del savonese

Vado Ligure

A questo punto, il nostro viaggio continua a Vado Ligure, con un’altra area canina di recente costruzione (agosto 2018), posizionata sul lungomare, nelle immediate vicinanze del circolo Marinella. Qui l’area è di discreta grandezza, con una pavimentazione in parte rivestita di porfido, in parte di terreno che va a formare una struttura a “osso”. Ad accogliere i padroni è un cartello con indicate le regole per una corretta condotta all’interno dell’area: “I cani possono essere lasciati liberi da guinzaglio solo sotto il controllo e la diretta responsabilità dell’accompagnatore, nel rispetto degli altri frequentatori dell’area”. E’ inoltre previsto “l’obbligo della museruola e del guinzaglio per i cani di indole aggressivi o con problemi comportamentali”. Il manifesto apposto all’ingresso dell’area canina vadese, infine, presenta il numero di emergenza del 112 e della polizia municipale.

Entrando, nell’area sono presenti un rubinetto, un contenitore per le deiezioni solide del cane e alcune panchine, ma durante la nostra visita l’area verde non è apparsa molto curata, con ciuffi d’erba un po’ altini che non coprono tutta la superficie dedicata. Inoltre, sul pavimento di porfido si notano fili d’erba spontanea che crescono tra le tessere. Insomma, all’inaugurazione dell’area le premesse per un campo innovativo e curato c’erano tutte, chissà che con l’arrivo dell’estate le cose non migliorino.

Aree canine del savonese

Savona

Procedendo verso Savona, incontriamo in via Trincee due aree dedicate allo sgambamento dei cani, ma entrambe non versano in ottime condizioni. La prima, nelle immediate vicinanze del Palazzetto di pattinaggio, risulta molto trascurata, con una superficie ricoperta al più di terra, le panchine potremmo definirle “di fortuna”, sicuramente portate nel luogo da qualche frequentatore dell’area. Sono presenti anche alcune buche dove l’acqua piovana è andata a formare alcune pozze di fango.

Aree canine del savonese

Sempre nel complesso del parco di via Trincee, nella sua parte terminale, è presente un’altra area canina, questa volta più estesa, con una grande superficie di terra intervallata da alcune zone d’erba che, secondo una frequentatrice dell’area, “spesso vengono curate”. “Tuttavia, quello che manca è un’attenzione ai dettagli – ci racconta una ragazza che abita in zona e padrona di un cane di media taglia – l’acqua del rubinetto ad esempio rimane stagnante, il cancello rimane spesso aperto per via della chiusura danneggiata e i cani possono uscire dall’area quando lasciati liberi dal guinzaglio. Ma ciò che rende il campo un po’ pericoloso è l’albero all’interno che presenta radici che raggiungono la superficie del terreno. Non è la prima volta che vedo inciampare sia padroni che cani”.

Aree canine del savonese

Le due Albisole

Procedendo verso ponente, si toccano le due Albisole che ospitano due aree canine di recente costruzione, una sita in Largo degli atleti azzurri d’Italia ad Albissola Marina, l’altra in via Sisto IV ad Albisola Superiore, accanto alla stazione ferroviaria.

La prima presenta una superficie più ridotta, con un rubinetto, cestini dedicati ai rifiuti organici dei cani, oltre che strumenti per garantire la pulizia dell’area come palette e scope. L’area ospita inoltre panchine, ma non attrezzi per l’attività fisica dell’animale. Lo spazio però è dotato di un ampio parcheggio ai lati che potrebbe rendere più confortevole l’esperienza dei padroni che giungono da altre città o altre vie. Nel complesso l’area è gradevole alla vista e all’olfatto, grazie a una pulizia adeguata.

Aree canine del savonese

Ad Albisola Superiore, in via Sisto IV, è presente un’area decisamente più estesa ricoperta di ghiaia dove poter lasciare il cane libero di giocare con alcuni pneumatici fissi al suolo o correre. L’area è dotata di alcune panchine, di un rubinetto e dei cestini dove gettare i bisogni del proprio animale domestico. Nel complesso, l’area risulta pulita e con indicazioni precise sulla condotta da adottare, apposte su un cartello all’entrata: “Siamo contenti di questo spazio – affermano alcuni padroni di cani all’interno -. I nostri animali hanno a disposizione tanto spazio per correre in tranquillità e giocare con altri simili”. Per quanto riguarda la pulizia, “si è reso disponibile un signore – ci raccontano -. Il Comune invece si occupa di ritirare i cestini pieni. “Ciò che manca però – aggiungono alcuni padroni – è una tettoia o un gazebo per ripararsi dal sole o dalla pioggia”.

Aree canine del savonese

Celle Ligure

Raggiungendo le due città più a levante del savonese troviamo un’area cani piuttosto nascosta e sprovvista di cartellonistica a Celle Ligure, in zona Lavadore. Lo spazio è stato realizzato dove in precedenza vi era un campo da bocce all’aperto ma mai utilizzato, che è stato completamente recintato, e ricoperto di ghiaia, per permettere ai cani di correre e giocare liberamente senza guinzaglio e museruola. L’area è dotata di panchine, cestini dedicati ai rifiuti organici del cane, un rubinetto riservato all’abbeveraggio degli animai e un lavandino più alto per i padroni, che però non risulta molto curato.

Aree canine del savonese

Varazze

A Varazze, la città più a levante della provincia di Savona, però, non abbiamo avuto la possibilità di valutare le condizioni di alcuna area canina della città. Informandosi tramite l’ufficio turistico si può scoprire come nella città di Varazze, i cani non abbiano la possibilità di essere lasciati liberi di correre e giocare in un’area studiata appositamente per loro. I proprietari di cani, perciò, sono tenuti a portare il proprio animale domestico nella più vicina Celle Ligure.

Cairo Montenotte

Il nostro viaggio attraverso le aree canine del savonese si conclude nell’entroterra, in Valbormida, precisamente a Cairo Montenotte, dove è possibile trovare un’ampia area canina che presenta un grande tubo per il gioco e l’allenamento del proprio amico a quattro zampe, ma anche tavolini e panchine per i padroni. Non mancano i cestini dove riporre i rifiuti. In una visita precedente, tuttavia, avevamo notato altri attrezzi pensati per l’attività fisica del cane, come ostacoli per lo slalom e il salto, ma ad oggi l’offerta dell’area risulta ridotta.

Aree canine del savonese

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.