Nuovi mezzi per la Croce Rosa dedicati ai militi scomparsi: a Celle Ligure giornata di grande commozione - IVG.it
Cerimonia

Nuovi mezzi per la Croce Rosa dedicati ai militi scomparsi: a Celle Ligure giornata di grande commozione fotogallery

Inaugurazione questa mattina con la presidente Rossella Colombo e le autorità locali

Celle Ligure. Gioia, emozione, commozione. È la Croce Rosa a regalare questo sabato così speciale. L’occasione l’ha fornita l’inaugurazione di due nuovi mezzi e il ricordo dei militi scomparsi di recente. Di quelle persone che sono capaci, insomma, di non farsi dimenticare. E non è da tutti.

I nomi di chi non c’è più e che la Pubblica Assistenza altro non ha potuto fare se non di ricordarli intitolando questi mezzi a Sergio Spotorno, Antonio De Vita e Daniela Ferrari Gogna, e donando targhe con impresso il nome di altri volontari mancati di recente. Piero Gavarone, Umberto Joli e Giampiero Piccone. Per loro anche un cuore che ha preso il volo per portare fin lassù l’affetto di un’intera comunità che non li dimenticherà mai. Nessuno scorderà nemmeno il milite varazzino Marco Massone che aveva disegnato il ritratto di Sergio, impresso sulla fiancata della nuova ambulanza, per poi mancare nei mesi successivi.
Presenti a questa giornata di festa le Consorelle, le Autorità.

C’è commozione nelle parole della presidente della Croce, Rossella Colombo. Lei, tanto felice di vedere i suoi militi vicini e amati dalla cittadinanza, e di contare da oggi una nuova ambulanza per le urgenze dedicata alla memoria di Sergio, e un’auto per i servizi sociali intitolata a Daniela e Antonio. Lui, così giovane: il primo milite ad essere scomparso per via del covid.

I palloncini rosa sono stati rispettosi della cerimonia e poi, impazienti, hanno iniziato a liberarsi nel vento, così che piazza Volta si è tinta del colore della Croce.

Poi il corteo con le ambulanze e le loro sirene come a salutare i militi che, in questo azzurro, si sono affacciati e hanno visto e abbracciato i loro cari da lassù. È stato un nastro d’affetto a stringere tutti in un nodo stretto. Il suo colore è rosa.

Quanto è bella questa gente che si dona per il prossimo, tanto bella da non farsi dimenticare.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.