Meeting di Savona, Vladimir Aceti brilla nel giro di pista: primo in 46"51 - IVG.it
Meeting di savona

Meeting di Savona, Vladimir Aceti brilla nel giro di pista: primo in 46″51

Brayan Lopez, secondo, e Lorenzo Benati, terzo, precedono l'atteso Kevin Borlée

Meeting

Savona. Nomi importanti anche sui 400 metri al Meeting di Savona, per il 3° Trofeo Fondazione De Mari. Su tutti, il belga Kevin Borlée. Trentatré anni, Kevin ha vissuto una carriera in parallelo con il gemello Jonathan, cogliendo numerose soddisfazioni “di famiglia” in staffetta 4×400: nonostante un primato personale leggermente più alto (parliamo comunque di 44”56!),  Kevin Borlée è il fratello che ha colto le maggiori soddisfazioni a livello individuale, con un bronzo iridato (2011), un oro (2010) e un argento (2018) agli Europei e una finale olimpica (quinto a Londra 2012). Oltre, ovviamente, a un forziere di medaglie con la staffetta: un argento e due bronzi mondiali tra outdoor e indoor, ben cinque titoli d’Europa e due quarti posti ai Giochi Olimpici.

Borlee ha avuto di fronte il sudanese naturalizzato britannico Rabah Yousif, 44”54 di personale, 45”19 nel 2019 e due bronzi mondiali con la 4×400 della Gran Bretagna. Uno stimolo importante per il campione italiano assoluto indoor Vladimir Aceti (Fiamme Gialle), che a Torun sfiorò la finale e che a Savona ha fatto il suo debutto individuale dopo la partecipazione alle World Relays di Chorzow con la 4×400.

A proposito di staffetta del miglio, la Fontanassa ha visto al via altri due ragazzi del gruppo azzurro, Brayan Lopez (Fiamme Azzurre) e il campione europeo Under 18 2018 dei 400 Lorenzo Benati (Fiamme Azzurre), classe 2002.

A vincere è stato proprio Vladimir Aceti che ha strappato applausi primeggiando in 46″51. Seconda posizione per Brayan Lopez in 46″95; terzo Lorenzo Benati in 47″00.

Quarta piazza per Kevin Borlée in 47″03, quinto Lapo Bianciardi (Avis Barletta) in 47″40, sesto Rabah Yousif in 48″54.

 

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.