Maschere italiane, consegnata la targa alla sede regionale di Borghetto Santo Spirito - IVG.it
Riconoscimento

Maschere italiane, consegnata la targa alla sede regionale di Borghetto Santo Spirito

L'assessore Cavo: "Le tradizioni e l'arte della Liguria vengono portate in giro per l'Italia"

maschere liguria

Genova/Borghetto Santo Spirito. È stata consegnata al Forum Culturale di Borghetto Santo Spirito la targa per la Maschera Regionale del Centro Nazionale Coordinamento Maschere Italiane. La consegna è avvenuta nella sala della Trasparenza di Regione Liguria alla presenza dell’assessore alla Cultura Ilaria Cavo.

L’evento, posticipato ad oggi per ragioni legate alla pandemia, ha visto il coinvolgimento di numerose associazioni culturali della Liguria.

Dal 2015 il Centro Nazionale Coordinamento Maschere Italiane porta avanti un processo di ricerca della storia di ogni singolo personaggio che possa rappresentare e valorizzare un territorio attraverso la cultura, le tradizioni, le tipicità e i dialetti. La Liguria si è inserita in questo percorso dal 2018: da Genova a Borghetto, da Loano a Savona, da Ballestrino a Varazze ed Arenzano, le maschere hanno rappresentato molte realtà territoriali liguri, con la partecipazione straordinaria della maschera ospite di Roseto Valfortone (provincia di Foggia).

“Come Regione Liguria abbiamo ospitato questo evento perché riteniamo che le maschere non siano solo un momento di festa e di folklore, ma, attraverso il lavoro dei gruppi che le animano, un grande momento di divulgazione culturale – ha sottolineato l’assessore Cavo -. Attraverso queste maschere e le iniziative del Centro Nazionale Coordinamento Maschere Italiane, le tradizioni e l’arte della Liguria vengono portate in giro per l’Italia. Complimenti al Forum Culturale di Borghetto che, con il suo impegno, ha consentito di ampliare e divulgare il progetto del coordinamento delle maschere nella nostra Regione”.

“Sono onorata di poter rappresentare da una parte il Centro Nazionale di Coordinamento Maschere Italiane in qualità di membro del direttivo e referente regionale, dall’altra il Forum Culturale in qualità di vicepresidente e, assieme a tutte le maschere poter presentare la targa regionale e il progetto condiviso di valorizzazione della cultura attraverso i personaggi e i costumi che ognuno di noi indossa – ha dichiarato Elena Gandolfo, referente regionale Coordinamento Maschere -. Ringrazio l’assessore Ilaria Cavo e il consigliere regionale Angelo Vaccarezza per la loro disponibilità e organizzazione di questa giornata per noi importante”.

All’iniziativa erano presenti in maschera Capitan Spaventa (Genova), Re Cicciolin (Savona), Capitan Fracassa (Loano), la principessa Perseghina (Borghetto), Caviggiotto (Ballestrino), Beciancin (Loano), principessa Doria (Loano), Pué Pepin (Loano), Re Chinotto (Savona) e, dalla Puglia in rappresentanza del resto d’Italia, Tullio, Manlia e la nobile Luna da Roseto Valfortone (Fg).

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.