Liguria, più di 336mila persone hanno già il "green pass": ecco come ottenerlo - IVG.it
Certificato verde

Liguria, più di 336mila persone hanno già il “green pass”: ecco come ottenerlo

Seconda dose di vaccino, guarigione dal Covid o tampone negativo: ecco i requisiti e come funziona il sistema

Generica

Liguria. Più di 336mila persone in Liguria di fatto dovrebbero avere già un documento valido come green pass per gli spostamenti in una regione di colore diverso. È l’effetto dell’ordinanza varata giovedì scorso dalla Regione che equipara i documenti rilasciati dalle aziende sanitarie alla certificazione verde prevista a livello nazionale per muoversi senza necessità di autocertificazione anche da e verso le regioni in zona arancione o rossa, e in prospettiva all’interno dell’Unione Europea senza dover osservare periodi di quarantena. Sarà necessaria anche per fare visita agli anziani nelle Rsa.

Il dato risulta semplicemente dai bollettini quotidiani sull’emergenza Covid: le persone vaccinate con la seconda dose sono quasi 245mila (aggiornamento di sabato pomeriggio), mentre i guariti dal coronavirus sono quasi 92mila. Tutte queste persone per adesso possono muoversi semplicemente presentando il certificato che attesta l’avvenuta vaccinazione con doppia dose o l’avvenuta guarigione, senza bisogno di ottenere altre certificazioni. Vediamo in dettaglio come funzionano i singoli documenti.

Vaccinazione

Il certificato ha validità di 6 mesi dalla data di somministrazione della seconda dose. Viene rilasciato su richiesta dell’interessato in formato cartaceo o digitale dalla struttura sanitaria oppure dal professionista che effettua la vaccinazione. Le certificazioni rilasciate prima dell’ordinanza della Regione sono valide comunque per 6 mesi dalla data indicata.

Guarigione

Il certificato ha validità di 6 mesi dalla data di fine isolamento. Viene rilasciato su richiesta dell’interessato in formato cartaceo o digitale dalla struttura ospedaliera dove si è stati ricoverati oppure dall’azienda sanitaria, dai medici di medicina generale o dai pediatri di libera scelta. Le certificazioni rilasciate prima dell’ordinanza della Regione sono valide comunque per 6 mesi dalla data indicata.

Tampone negativo

La certificazione ha validità di 48 ore dal momento del prelievo del materiale biologico. Viene rilasciata su richiesta dell’interessato in formato cartaceo o digitale da strutture pubbliche, private autorizzate, accreditate, dalle farmacie che effettuano il test o dai medici di medicina generale e dai pediatri di libera scelta che erogano il test. Sono validi i referti di tamponi molecolari o antigenici rapidi per la ricerca del coronavirus.

In futuro

Il vero e proprio green pass sarà quello europeo che arriverà a metà giugno con una piattaforma digitale che dovrà sostituire completamente i documenti cartacei. Nel frattempo l’Italia lo introdurrà per i turisti europei, americani e israeliani in ingresso nel nostro Paese già a partire dal 15 maggio (in questa data scade l’ordinanza del ministro Speranza che impone la quarantena a chi arriva dall’estero). I test per la piattaforma Ue dovrebbero cominciare proprio in questi giorni.

Più informazioni
leggi anche
  • Provvedimento
    Spostamenti tra regioni, Toti vara l’ordinanza: certificati Asl validi come “green pass”
    Generica
  • Novità
    Rsa, visite con green pass, Toti: “Segnale positivo per un ritorno alla normalità”
    rsa casa di riposo
  • Precisazioni
    Vaccinazione in Liguria per i turisti, Toti: “Solo con residenza temporanea”
    Turisti a Genova agosto 2020
  • Firmato
    Green pass, arriva l’ufficialità: per averlo basta la prima dose di vaccino
    Generica

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.