Istat, Savona è la provincia più anziana della regione più "vecchia" d'Italia - IVG.it
I dati

Istat, Savona è la provincia più anziana della regione più “vecchia” d’Italia

La Liguria perde 1 abitante su 100, nel nostro territorio il calo demografico è del 11.3%

ANZIANI

Liguria. Diminuisce del 9,9 per mille la popolazione della Liguria, una delle regioni italiane con il più alto decremento demografico, dietro solo Molise (13,2) e Basilicata (-10,3). Non una novità, essendo una delle aree dell’Italia con la media anagrafica più alta, ma questa volta ad influire sono stati anche gli effetti della pandemia.

È quanto emerge dal report Istat Indicatori demografici 2020. Nel 2020 i decessi totali in Italia sono stati 746mila, il 18% in più di quelli rilevati nel 2019.

Una delle cause, ovviamente, anche il Covid che ha avuto effetti su tutte le componenti del ricambio demografico, facendo registrare una “dinamica naturale (nascite-decessi)” negativa nella misura di 342mila unità.

Oggi, secondo l’Istat, in Liguria ci sono 1.509.800 abitanti, di cui 816.900 in provincia di Genova e 268.800 in provincia di Savona. Le stesse due province, peraltro, trascinano la decrescita demografica della Regione rispettivamente con valori del -11,2 e 11,3 per mille.

Città e province liguri in “buona compagnia”, nel Nord Ovest: oltre a Genova e Savona anche Vercelli, Asti, Alessandria e Biella in Piemonte e quelle di Pavia e Cremona in Lombardia segnano valori simili. La media italiana è del 6,4 per mille.

La Liguria si conferma anche nettamente la regione più anziana d’Italia: l’età media è di 49,3 anni, rispetto alla media nazionale di 46 anni. Il record va alla provincia di Savona con un’età media di 49,8 anni.

Per effetto del forte aumento del rischio di mortalità, specie in alcune aree e per alcune fasce d’età, la sopravvivenza media nel corso del 2020 appare in decisa contrazione. La speranza di vita alla nascita, senza distinzione di genere, scende a 82 anni, ben 1,2 anni sotto il livello del 2019. Per osservare un valore analogo occorre risalire al 2012.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.