Funivie, lo sfogo dei lavoratori: "Filiera della rinfuse strategica, auspichiamo una rapida ripresa delle attività" - IVG.it
Lettera aperta

Funivie, lo sfogo dei lavoratori: “Filiera della rinfuse strategica, auspichiamo una rapida ripresa delle attività”

In Commissione Bilancio sì all'ordine del giorno per il nuovo commissario. Il vice sindaco Speranza: "Fondamentale per la concessione"

Funivie

Savona/Cairo M. Istituzioni, parlamentari e sindacati in prima linea nella vertenza Funivie, ma oggi sono i lavoratori ad uscire allo scoperto con una lettera aperta con la quale vogliono far sentire direttamente la proprio voce dopo mesi e mesi di difficoltà e criticità, incertezze e mancanza di risposte, che hanno riguardato l’azienda savonese e in generale tutto il sistema produttivo della filiera delle rinfuse.

“La nostra azienda, in questi oltre 110 anni di funzionamento, si è sempre dimostrata una risorsa importante per la crescita del nostro territorio oltre ad essere una preziosa risorsa per le aziende del nord ovest del paese. L’impianto è un’infrastruttura di proprietà dello Stato, assegnata con concessione ministeriale venticinquennale” inizia la missiva.

“Negli ultimi 10 anni il nuovo punto di sbarco si è trasferito agli Alti Fondali dove possono essere sbarcate navi full size e il materiale può venire stoccato in sette vasche distinte aventi capacità complessiva di 45.000 tonnellate. Il materiale viaggia su due nastri trasportatori: uno attraversa il porto depositando in un silos sotterraneo (con capacità di circa 2.000 mc); l’atro, mediante un tunnel sottomarino, arriva alla nuova stazione di caricamento dei vagonetti in località San Rocco permettendo di alimentare le due linee aeree, costruite dagli ingegneri Carissimo & Crotti, formando un mix vincente tra i nuovi impianti e quelli storici. Infine il materiale viene stoccato direttamente nei parchi di S.Giuseppe di Cairo o alla cokeria”.

“Questo sistema, unico al mondo, permette a migliaia di tonnellate al giorno di rinfuse di uscire dal porto di Savona senza che quasi nessuno se ne accorga.
Infatti l’impianto è collocato in una regione dove i monti si specchiano sul mare per cui il collegamento con l’entroterra deve superare dislivelli importanti su brevi distanze. Esso sopperisce alla mancanza di infrastrutture che colleghino il porto di Savona alla Val Bormida: noi siamo un’autostrada aerea fatta di cavi di acciaio, di piloni e di vagonetti che compongono una bella realtà di trasporto ecologica alimentata a energia elettrica perfettamente integrata con il paesaggio” spiegano le maestranze.

“Attualmente non siamo nelle condizioni di poter svolgere il nostro lavoro a causa di due eventi che hanno portato a questa drammatica situazione: una cattiva gestione della ditta da parte del concessionario (italiana coke), il quale è in concordato preventivo dal 2017 causando inevitabilmente danni economici a Funivie Spa; il crollo di quattro piloni nel novembre del 2019 a causa di frane dovute a eventi calamitosi. Quest’ultimo accadimento ha provocato l’inutilizzo immediato delle linee funiviarie. Quanto meno appare sospetto che di seguito all’evento calamitoso il concessionario abbia rimesso la concessione al MIT, dando l’impressione di aver sfruttato questo evento come alibi per celare i problemi di gestione che nel 2017 hanno portato al concordato preventivo
Dal fatidico novembre del 2019, data del disastroso evento, si è aggiunta la pandemia dovuta al Covid-19 e un cambio di Governo accentuando maggiormente il silenzio dei vari Ministeri competenti, allungando di fatto il ripristino dell’infrastruttura”.

“Ad oggi, dopo un anno dallo stanziamento per il ripristino e la nomina di un Commissario per i lavori incaricato dal Ministero, nulla è ancora partito; il funzionario incaricato è nel frattempo andato in pensione lasciando vacante il posto, portando inevitabilmente ad uno stop delle procedure. La maggior parte dei lavoratori è in cassa integrazione, che scadrà a novembre 2021, e l’impianto non viene manutenuto da oltre un anno” aggiungono ancora nella loro lettera aperta.

“I lavoratori di Funivie vogliono ringraziare pubblicamente chi si è fatto carico, in questo lungo periodo, di ascoltarci facendosi portavoce con le istituzioni nazionali, regionali e locali tenendo sempre alta l’attenzione portando a confrontarsi e a rendersi conto dei rischi che si correvano abbandonando un’infrastruttura come questa. Questo sentito ringraziamento va a tutti coloro i quali si sono spesi e prodigati per il bene di questa realtà, ma particolarmente al Senatore Paolo Ripamonti e al consigliere regionale Roberto Arboscello i quali hanno tenuto alta l’attenzione sulla nostra vicenda”.

“Proprio ieri è stato approvato in Commissione Bilancio del Senato un ordine del giorno, primo firmatario il Senatore Paolo Ripamonti, che impegna il Governo a nominare un commissario straordinario per la gestione governativa di Funivie al fine di assicurare la continuità dell’esercizio una volta ripristinato l’impianto”.

“Auspichiamo che, dopo il periodo di gestione commissariale, le Funivie vengano affidate ad un gestore che sappia valorizzare l’impianto diversificando sia i clienti che le rinfuse trasportate per evitare l’errore commesso di assegnarla ad un concessionario che la monopolizzi per i suoi traffici a scapito di altri.
Sempre in questi giorni il consigliere regionale Roberto Arboscello ha portato all’attenzione del consiglio regionale, mediante un ordine del giorno numero 282, gli interventi urgenti di Funivie”.

“Speriamo anche che quanto accaduto sia da stimolo per migliorare, diversificare e potenziare ulteriormente un impianto che potrà essere una risorsa per il territorio e dal punto di vista occupazionale”.

“Ci auguriamo, infine per il bene dell’azienda che il Ministero valuti attentamente l’assegnazione della concessione per evitare il ripetersi degli eventi” concludono i lavoratori di Funivie.

E sulla vicenda Funivie ecco il commento del vice sindaco di Cairo Roberto Speranza: “Quello che ha proposto come primo firmatario il senatore Ripamonti, votato dalla Commissione Bilancio del Senato e inserito nel DL Sostegni è una grande cosa per Funivie. La scelta del Ministero di riportare a se l’azienda è indicazione di una volontà di rilancio di questa infrastruttura, vista non solo più come trasporto carbone ma di logistica integrata: sbarco, trasporto su fune e su rotaia, stoccaggio di rinfuse e di merci su container, per finire all’inoltro a destinazione su rotaia o su gomma. La Val Bormida, grazie a questa infrastruttura può diventare una banchina remota del porto di Savona e di Vado Ligure”.

“Non confondiamo il commissario di Funivie con quello della ricostruzione dei pali… Il primo porterà l’azienda ad essere affidata in concessione, il secondo a mettere su i pali; le cose potrebbero certamente anche essere fatte dallo stesso Commissario ma hanno due valenze diverse. Il tutto senza dimenticarsi dei lavoratori che nel frattempo dovranno continuare ad avere degli ammortizzatori sociali fruibili. Auspico che la politica continui a lavorare unita su questo obiettivo come ha dimostrato di fare in questi ultimi giorni” conclude il vice sindaco cairese.

leggi anche
  • Procedura
    Funivie, delibera per l’esproprio dei terreni. Caprioglio: “Accelerare sul ripristino dell’impianto”
    Funivie
  • Schiarita
    Funivie, tempi brevi per la cassa integrazione: ordine del giorno per nuovo commissario
    filiera rinfuse funivie
  • Grave crisi
    Funivie senza liquidità, allarme dei sindacati: “Tra 4 mesi rischio chiusura”
    Il presidio dei lavoratori di Funivie
  • Grido d'allarme
    Savona, Funivie incubo per un’azienda agricola: “Allagati a causa dei lavori di ripristino, e ora ci espropriano”
    Situazione terreni azienda agricola Savona
  • Preoccupazione
    Funivie, Mai e Brunetto (Lega): “L’attività deve riprendere, urgente la nomina del commissario”
    Funivie Savona

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.