Andrea Rocca parla a nome della squadra: "Dedichiamo il passaggio del turno al mister, ci ha sempre sostenuto" - IVG.it
Qualificazione ottenuta

Andrea Rocca parla a nome della squadra: “Dedichiamo il passaggio del turno al mister, ci ha sempre sostenuto”

"Siamo fieri e orgogliosi, con questo gruppo di ragazzotti, di essere arrivati nelle prime quattro dell'Eccellenza"

Finale Ligure. Per la prima volta in questa breve stagione, dal momento della ripartenza di aprile in poi, il Finale è stato sconfitto. Ma lo 0 a 1 patito per mano della Sestrese non è costato l’eliminazione ai giallorossoblù, che hanno saputo stringere i denti anche con un uomo in meno e sono riusciti ad arrivare ai calci di rigore, dove hanno avuto la meglio con 4 centri contro i 2 dei verdestellati.

Ad esprimere la soddisfazione di tutto l’ambiente finalese è Andrea Rocca. “Noi quando abbiamo ripreso il campionato avevamo un obiettivo, che era quello di passare il gironcino – spiega -. C’è riuscito bene e uscire subito al primo turno ci sarebbe dispiaciuto perché sappiamo le fatiche che abbiamo impiegato in questi due mesi. Ci tenevamo particolarmente e voglio sottolineare il fatto che è un grosso lavoro svolto da parte di tutti, ma in primis da parte del mister. Difatti, credo di parlare a nome di tutta la squadra, ma almeno per me, dedichiamo questo passaggio del turno a lui che non sta vivendo un momento felicissimo della sua vita in generale ma credo che con il nostro supporto gli stiamo dando una mano, come lui ce l’ha data a noi, sostenendoci sempre dal primo giorno fino ad oggi“.

Il gruppo è la forza di questa squadra, come conferma l’attaccante, uno dei giocatori più esperti della squadra: “Segreti non ce ne sono, perché il segreto è la voglia di arrivare da parte di tutti. Sono tutti ragazzi tra i 17 e i 19 anni che hanno tanta voglia di fare e grazie ad una grossa organizzazione da parte del nostro allenatore e dei suoi collaboratori noi ‘vecchi’ la prendiamo alla lettera, diamo l’esempio e i giovani ci seguono alla stragrande e siamo veramente felici di aver passato questo turno“.

Il traguardo raggiunto è già notevole, ma la voglia di fare ancora bene è tanta. “Intanto siamo fieri e orgogliosi, con questo gruppo di ragazzotti, o come dico io ‘asilo nido’, di essere arrivati nelle prime quattro dell’Eccellenza: è un motivo di onore e di orgoglio per tutti quanti, per tutto il gruppo di ragazzi, che ci alleniamo sempre in trenta dai ’94 come me fino ai 2005″ dice Rocca.

Ora c’è la Cairese; domani, alle ore 16, verrà effettuato il sorteggio per sapere chi disputerà in casa la gara di andata. “Ci giochiamo questa partita a viso aperto, senza nulla da perdere, come abbiamo giocato tutto questo girone e prenderemo quello che verrà. Ma già che ci siamo ce la giochiamo ovviamente per passare il turno; sappiamo che sarà difficile, la Cairese è un’ottima squadra, conta dei giocatori che noi ci possiamo solamente sognare, è una delle più forti dei due gironi ma noi giochiamo senza nulla da perdere e con la spensieratezza che ci ha contraddistinto finora” conclude l’attaccante.

leggi anche
  • Pomeriggio di sofferenza
    Finale, Buttu: “Se i ragazzi mi fanno vivere queste emozioni, tra due settimane io non ci arrivo”
    Pietra Vs Finale
  • Il capitano
    Finale, Carlo Porta: “Siamo una squadra giovane, ma con gli attributi”
    Vado Vs Finale
  • Quarti di finale
    Eccellenza: il Finale fa festa al Borel! Porta para due rigori e regala la qualificazione ai giallorossi
    Finale-Sestrese

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.