"smartaroma"

Agricoltura 4.0, il Cersaa di Albenga lancia il progetto per la filiera delle piante aromatiche

Nell'albenganese 60 mln di piante in vaso all'anno: nuove tecniche di coltivazione

Piante aromatiche campi Albenga

Il Cersaa di Albenga, attraverso i fondi messi a disposizione dalla seconda fase della misura 16.01 “Aiuti per la costituzione e l’operatività dei gruppi operativi del PEI” del PSR 2014-2020, ha presentato il progetto “SmartAroma” nel novembre 2019 ed ora, dopo il rallentamento avvenuto a causa della pandemia da Covid19, è finalmente in fase di partenza.

Il progetto SmartAroma (Strategie di Agricoltura Intelligente e di Precisione nella filiera delle aromatiche in vaso) si pone come obiettivi: rendere competitive le produzioni di piante aromatiche in vaso attraverso l’adozione di processi dell’agricoltura di precisione; programmare e controllare la distribuzione di fitofarmaci, nutrienti, energia, acqua; sviluppare un sistema di tracciabilità dei lotti di produzione, funzionale alla tracciabilità delle operazioni aziendali e all’applicazione della normativa relativa al “Passaporto delle Piante” (Reg UE 2016/2031, art. 69); progettare una start-up per l’erogazione alle imprese di servizi di agricoltura di precisione.

La produzione di piante aromatiche in vaso nel ponente ligure è particolarmente sviluppata nella piana di Albenga, con i suoi 60 milioni di piante annualmente prodotte, un settore trainante della floricoltura dell’intera Liguria, ma che soffre della concorrenza di altri produttori, nonché della bassa marginalità, della mancanza di capacità di differenziarsi da altre produzioni concorrenti e della difficoltà di sviluppare prodotti innovativi.

Per contro, investimenti continui sono necessari per garantire la sicurezza alimentare e la riduzione dell’impatto delle attività agricole sull’ambiente. Pertanto, le imprese hanno la necessità di ridurre i costi di produzione, incrementare il valore aggiunto delle produzioni, ottimizzare il proprio tempo di lavoro, qualificare le proprie produzioni, migliorarne la penetrazione sui mercati e fruire di servizi innovativi.

Per questo il Centro di Sperimentazione e Assistenza Agricola (CeRSAA), che quest’anno compie 60 anni e che da sempre si adopera per incentivare l’innovazione in agricoltura in Liguria, ha colto in SmartAroma le possibilità di rispondere a queste sempre crescenti necessità.

I partners del progetto sono: l’Istituto Regionale per la Floricoltura di Sanremo (IRF), il Distretto Florovivaistico della Liguria, l’azienda Floricola Enrico Giorgio e l’Ortofrutticola di Albenga.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.