Reddito di cittadinanza

Lavoro, Berrino insieme a Fdi di Piemonte e Veneto: “Navigator corsia preferenziale nei concorsi pubblici: discriminante”

Il commento in merito ai contenuti del decreto legge sostegni

Reddito di Cittadinanza Regione Protesta

Liguria. “Riteniamo discriminante che l’attività dei navigator sia un titolo preferenziale nei concorsi pubblici”. A dirlo sono gli assessori regionali al lavoro di Fratelli d’Italia Gianni Berrino (Liguria), Elena Chiorino (Piemonte) ed Elena Donazzan (Veneto, Responsabile Nazionale del Dipartimento Lavoro e Crisi Aziendali del Partito di Giorgia Meloni), in merito ai contenuti del decreto legge sostegni annunciati ieri dal ministro del lavoro e politiche sociali Andrea Orlando presso le commissioni riunite di lavoro e affari sociali della Camera.

“Partendo dal fatto che abbiamo sempre considerato demagogico e fine a sé stesso il reddito di cittadinanza in quanto misura assistenziale e non di politica attiva del lavoro, lo Stato adesso vorrebbe dare ai navigator una corsia preferenziale nei concorsi andando a discriminare chi altri cittadini – aggiungono gli Assessori regionali -. La pubblica amministrazione ha sbloccato le assunzioni e c’è la possibilità quindi di fare turnover, inserendo elementi validi che possano efficientare la macchina amministrativa. Pertanto, dovrebbe essere prioritario guardare al merito, dando a tutti eguali diritti d’accesso ai concorsi”.

“Se lo Stato, dopo aver prolungato il loro contratto fino al 31 dicembre di quest’anno, ritiene di dover stabilizzare i navigator per occuparsi di servizi al lavoro lo faccia ma senza che diventi un diritto acquisito per entrare in altri ambiti della pubblica amministrazione”, concludono Berrino, Chiorino e Donazzan.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.