La Cairese piange la scomparsa del tifoso Gianpiero Bracco - IVG.it
Condoglianze

La Cairese piange la scomparsa del tifoso Gianpiero Bracco

Il cordoglio del club gialloblù per un tifoso "discreto ma sempre presente"

La società Asd Cairese ha deciso di omaggiare sul sito della società Gianpiero Bracco, storico tifoso gialloblù venuto a mancare negli scorsi giorni.

Bracco è stato ricordato attraverso le parole dell’addetto stampa della prima squadra Daniele Siri, che ne ha sottolineato l’attaccamento ai colori e la massima disponibilità nel prendere parte a iniziativi a favore della società. Ecco il toccante messaggio:

Ciao Gian,
te ne sei andato (in punta di piedi com’era tuo costume) proprio di domenica, il giorno in cui per tanti anni abbiamo scorrazzato per Liguria, Piemonte e Val d’Aosta al seguito della nostra amata Cairese. Quanti ricordi Gian, non mancavamo mai, io con taccuino e registratore in mano e tu con tutta la famiglia ,tua moglie Marina, le figlie Romina e Gabriella, i tuoi fratelli e poi Cristina con tuo nipote Osvaldo, tutti sempre presenti, rigorosamente pavesati di gialloblù per incoraggiare quella fantastica squadra di cui faceva la parte tuo cugino Maurizio Berruti. Avrei voluto salutarti con una foto di quelle scattate allora ma, colpevolmente, non ne ho trovata nessuna in cui tu fosti presente. A pensarci bene non è poi così strano, perché tu eri un tifoso schivo, silenzioso, mai polemico ma sempre presente e su cui si poteva far conto quando si decideva di organizzare qualche iniziativa di sostegno alla squadra, come quella volta che tuo fratello (penso fosse Paolo) corse sino a Verona per procurarsi bandiere e striscioni gialloblù, che poi distribuimmo in modo da festeggiare nel migliore dei modi la storica promozione in C2. Quante risate… Ci siamo ritrovati poche settimane fa, mentre entrambi aspettavamo le mogli che si stavano vaccinando, abbiamo chiacchierato a lungo ricordando quei tempi felici che sono volati via come sabbia tra le dita, ripromettendoci, quando tutta questa pazzia fosse passata, di organizzare una rimpatriata per ricordare al meglio quei giorni felici… non sapevamo che il destino aveva già deciso diversamente. Mi piace immaginarti lassù impegnato a parlare di calcio, insieme a Mauro, Marco, Francesco (accidenti, cominciate ad essere davvero tanti) e tutti quelli che in passato hanno avuto a cuore i nostri colori. A Marina, Romina, Gabriella e a tutta la tua fantastica famiglia tante condoglianze e un fortissimo abbraccio. A te Gian, l’augurio di un “buon vento” e che, come si dice in queste occasioni che ” la terra ti sia lieve” !!

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.