IVG.it COMPIE 15 ANNI: chi eravamo, chi siamo, chi saremo - IVG.it
Da celebrare

IVG.it COMPIE 15 ANNI: chi eravamo, chi siamo, chi saremo

Nato come quotidiano di "cronaca in real time", oggi è un riferimento per il territorio. E ci impegneremo per migliorare ancora

Quindici anni. Per un essere umano, sono gli anni dell’adolescenza: quelli in cui si iniziano realmente a capire i propri sogni, le proprie qualità, i limiti e le ambizioni. Chissà, magari vale anche per un giornale. Perché noi ci sentiamo proprio così: non ancora “adulti” (ne abbiamo di strada da fare e di cose da imparare per essere soddisfatti del nostro, anzi del Vostro Giornale!), ma con già tante storie sulle spalle. Esperienze, errori e soddisfazioni, rimpianti e orgoglio. All’alba dei nostri 15 anni, abbiamo ancora tanti sogni da realizzare. E siamo pronti a cambiare pelle, ancora una volta.

CHI ERAVAMO

I primi anni di IVG li racconta in modo magistrale il collega Federico De Rossi in questo articolo. Lui, che c’è fin dall’inizio, dal quel 1 aprile 2006, ricorda ogni passo: le prime chiacchierate al bar, l’esordio, il primo “boom” alle elezioni amministrative, l’arrivo di video e fotogallery, lo sbarco sotto la Lanterna con Genova24, il primo restyling grafico importante, la crescita costante anno dopo anno.

Alle prime fasi assisto dall’esterno, ma già con un occhio di riguardo: non sono un “semplice” lettore, ma prima un amico (lavoro altrove, ma capita di scambiarsi materiale) e poi un avversario (in quanto tale ben “attento” a monitorare il lavoro dei miei futuri colleghi). Finché, a gennaio 2014, entro in IVG. Trovo una squadra piccola ma agguerritissima, e un quotidiano dal Dna già formato: cronaca regina del giornale, la velocità come obiettivo imprescindibile, l’imparzialità come stella polare. E per qualche anno ancora “è abbastanza così”.

Ma l’appetito, si sa, vien mangiando. E a quella ricetta mancano ancora tante cose. Così, dopo due anni di apprendistato, prende il via un nuovo percorso. La molla sono le elezioni di Savona del 2016: IVG inizia per la prima volta a “parlare di politica”, non limitandosi all’effetto megafono di interviste e comunicati stampa, ma analizzando, raccontando. E anche facendo inchiesta (fu proprio IVG il primo a svelare il “buco di bilancio” in Comune i cui effetti si avvertono ancora oggi). E poi c’è il dibattito al Chiabrera tra i candidati sindaci: un evento che fino a pochi anni prima sarebbe stato prerogativa dei giornali cartacei, assolutamente impensabile per un online. Quel palco è forse l’immagine più emblematica di un viaggio appena iniziato ma destinato a cambiare molte cose.

Negli anni successivi ci poniamo diversi obiettivi. Il primo è “allargare” il giornale, affiancando altri temi a cronaca, politica ed economia. Potenziamo la redazione sportiva, valorizziamo la sezione eventi con innesti ad hoc. Ma non basta. E così nasce l’idea di creare delle rubriche tematiche e settoriali che offrano altri argomenti ai lettori del quotidiano online e ne completino l’essenza: dai primi esperimenti nasce “IVGmagazine”, con appuntamenti fissi settimanali dedicati a cucina, musica, moda, letteratura, filosofia, criminologia e tanto altro.

Cerchiamo poi di ampliare la platea di lettori, guardando ai due estremi: giovanissimi e “over”. Per i primi, instauriamo relazioni con il Campus universitario savonese e con diversi istituti scolastici della provincia e diamo vita al progetto IVG/young. Dopo una serie di incontri formativi, lanciamo un nuovo “giornale nel giornale” scritto da un gruppo di ragazzi tra i 14 e i 25 anni. Non è solo uno spazio per i giovanissimi, ma anche una opportunità concreta per gli autori, che spesso sognano proprio di fare i giornalisti nella vita. Una di loro, Sara Erriu, ce l’ha già fatta proprio grazie a Young e a IVG. E altri sono sulla stessa strada. Chi vivrà vedrà…

Per gli “over” invece iniziamo, timidamente, a “ragionare da cartaceo”, tentando di offrire quando possibile approfondimento e analisi. Non è semplice per un online: mancano costantemente il tempo e le risorse. Senza parlare della “memoria storica”, che una redazione tutta under40 non può avere. Serve il salto di qualità. Ci riusciamo finalmente nel 2020 con l’ingresso di un nuovo direttore editoriale, Sandro Chiaramonti: una firma autorevole e di spessore che porta alla creazione di due spazi di commento sulle principali notizie del savonese, uno settimanale (Pensiamoci) e uno quotidiano (Oggi ore 18). Così IVG inizia anche a “fare opinione”, offrendo un focus per orientarsi, capire meglio, decidere, prendere posizione.

CHI SIAMO

Gli ultimi cinque anni, come abbiamo visto, sono quelli che hanno sancito il passaggio di IVG dall’infanzia all’adolescenza, diciamo. Il “carattere”, l’indole di giornale votato alla cronaca e al tempismo, è rimasto: ma intorno sono cresciute tutta una serie di interessi collaterali, di voglia di spaziare, di sperimentare. Di diventare, pian piano, un giornale “grande”.

Oggi IVG è una vera e propria piattaforma “multicanale”: un giornale che invia breaking news tramite WhatsApp, che risponde alle domande dei lettori con un bot su Telegram, che mostra le bellezze savonesi su Instagram, che tra un articolo e l’altro è costantemente in diretta video su Facebook.

Nel settore dei social, in particolare, IVG è diventato sempre più protagonista: non solo con una più sostenuta condivisione delle notizie, ma anche, e soprattutto, grazie alle dirette video Facebook sui principali fatti ed eventi della provincia, marchiando ancora di più la vocazione “real time” del nostro quotidiano online. E la pandemia di Covid-19 dà un ulteriore impulso, spingendoci a creare format ad hoc per le dirette FB, con interviste speciali e una partecipazione diretta e in tempo reale dei lettori.

Il ruolo che oggi IVG ricopre non solo per la provincia di Savona, ma in generale per il panorama giornalistico a livello nazionale è sancito non solo e dai “numeri” del quotidiano, ma anche dalla considerazione che arriva “da fuori”. Nel 2019 NewsGuard decide di “certificarci” come quotidiano autorevole, con uno dei punteggi più alti in Italia: una “pagella” superiore a quelle di Repubblica, Corriere, Secolo XIX, Il Giornale e TgCom. Davanti a noi soltanto Il Sole 24 Ore e La Stampa.

L’anno dopo, nel 2020, Google ci sceglie come quotidiano iperlocale di riferimento (a livello mondiale!) per le proprie iniziative: dalla collaborazione con il colosso di Mountain View nasce IVG+, il progetto di membership per sostenere l’informazione e aiutare progetti solidali del savonese. Un riconoscimento alla qualità del nostro lavoro che porta il nostro editore, Matteo Rainisio, ad essere scelto tra i testimonial della campagna Google sull’editoria digitale e che, nel 2021, si è tradotto in un passo avanti decisamente più importante: l’inclusione di IVG e del “gemello” Genova24 in Google News Showcase, piccoli Davide in mezzo ai Golia dell’editoria nazionale.

La “piccola” IVG, insomma, è cresciuta e oggi è ormai considerata una “grande” da tanti addetti ai lavori. Ma questo non ci fa perdere di vista la nostra stella polare, il territorio savonese. E’ con questo spirito che sempre nel 2020 abbiamo lanciato la prima edizione degli IVG Awards, che la scorsa estate hanno premiato (grazie al voto dei lettori) i migliori esercizi commerciali della nostra provincia. Un modo per essere vicino alle realtà imprenditoriali in un periodo complicatissimo come la pandemia di Covid-19 e la prima estate post-lockdown. Le abbiamo premiate a Finalborgo augurando a loro, e a tutti noi, un 2021 più semplice.

CHI SAREMO

Per questo 2021 la voglia di crescere ancora e innovarsi certo non manca: prime novità editoriali le vignette e il già citato Google News Showcase, ma la vera e grande sorpresa per tutti Voi sarà un quotidiano online tutto nuovo, a livello grafico e di contenuti, ancora più bello, fruibile e interattivo, proiettato nel futuro dell’editoria digitale. Un regalo che vi faremo tra pochi giorni.

Non sarà un semplice restyling grafico, né un puro ammodernamento tecnico, ma un vero e proprio “nuovo giornale”. Nel quale continuerete a trovare i nostri punti di forza, ma che rispetto a oggi vi offrirà molto di più. Negli ultimi anni abbiamo iniziato a scrivere di molti argomenti: sono lontani i tempi dell’IVG semplice “quotidiano di cronaca”. Una evoluzione che però, fino a oggi, si rifletteva solo in parte sul sito, ancorato alla nostra natura primordiale.

Si cambia, dunque. Con un sito molto più “lungo” e pieno di box tematici nei quali trovare più facilmente le notizie che vi interessano. Aree dedicate già in home page ai trasporti o alla cultura. Ai temi “del cuore”, come animali e bambini. O a quelli “da impegno sociale”, come l’ecologia e il no profit. Uno spazio specifico per valorizzare i talenti savonesi. E uno per le “buone notizie”, perché ne abbiamo tanto bisogno.

Un giornale molto più vasto, perché della nostra provincia vogliamo raccontarvi tutto, ma proprio tutto. Perché la cronaca nera o la politica sono importanti, ma la vita è fatta di tanto altro. E noi vogliamo esservi sempre più vicini, dare spazio alle vostre idee, ai progetti, ai piccoli gesti quotidiani. Come abbiamo fatto con gli IVG Awards, IVG/young e i Magazine. Vogliamo diventare sempre più “il” riferimento della provincia di Savona per la comunicazione: non solo un semplice strumento informativo, ma una community realmente utile nella vita quotidiana di tutti.

Il nostro impegno sarà cercare di essere all’altezza. Del nuovo giornale e della vostra fiducia. Con questo spirito abbiamo deciso, nel nuovo giornale, di rendere più evidenti eventuali rettifiche e di mostrare negli articoli i volti degli autori: perché la costruzione di una sempre maggiore credibilità passa anche dal “metterci la faccia”. Vogliamo che per voi IVG sia sempre meno astratto, che sappiate riconoscerci per strada e possiate abbinare un volto a quella voce che su Facebook vi racconta in diretta cosa accade. Perché? Perché se la sfida delle letture è ormai vinta (ogni giorno ci leggete come minimo in 100.000), da qualche anno il nostro obiettivo (sin da quando NewsGuard ci ha certificato nel 2019) è quello dell’autorevolezza. Con i social di oggi non serve più “arrivare primi”, non ha più senso: occorre invece essere un faro, un riferimento credibile di cui fidarsi, per distinguere una voce falsa da una notizia vera.

Ci impegneremo a fare il nostro lavoro sempre meglio. Con verifiche più accurate, approfondendo al massimo delle nostre possibilità, e rifuggendo i toni troppo enfatici. Non è semplice e non lo sarà, come non lo è per nessuno di coloro che fa informazione in tempo reale. Gli errori sono una costante: molti ne abbiamo fatti, molti ne faremo. Non vi garantiamo, quindi, che ci riusciremo. Ma vi promettiamo che tenteremo davvero, sinceramente e autenticamente, di fare il nostro massimo. E che ci sforzeremo di imparare.

Più informazioni
leggi anche
  • Il futuro è oggi
    IVG compie 15 anni e cambia pelle: ecco Il Vostro nuovo Giornale

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.