"In Arte Alassio", il progetto che porta in pinacoteca aperitivi, concerti e performance teatrali - IVG.it
Experience

“In Arte Alassio”, il progetto che porta in pinacoteca aperitivi, concerti e performance teatrali

Il progetto è stato inviato alla Fondazione San Paolo nell'ambito del Bando Viva a sostegno dell'offerta culturale estiva dei territori, per rilanciare la vita culturale e la fruizione delle due pinacoteche cittadine

Alassio. E’ stato presentato alla Fondazione San Paolo da parte degli assessorati alla Cultura e al Commercio un innovativo progetto per rilanciare la vita culturale e la fruizione delle due pinacoteche cittadine da qualche tempo affidate alla gestione di Gesco.

“Quello che vorremmo portare avanti – spiegano dall’amministrazione Melgrati Ter – è la creazione di vere e proprie experience culturali destinate ad aumentare il numero dei visitatori delle pinacoteche. Per farlo abbiamo pensato ad aperitivi Deco nelle pinacoteche e nella ex Chiesa Anglicana; a visite guidate nelle pinacoteche con artisti di teatro che interpreteranno i pittori; ad una serata finale con un concerto dell’Orchestra La Verdi di Milano diretta dal Maestro Maurizio Billi dedicato alle celeberrime composizioni di Edward ​Elgar con tema musicale della serata Edward Elgar e le Sue celeberrime composizioni: In the South Alassio Op. 50 e la Marcia imperiale inglese. Ampliando la descrizione dei pittori West e Levi e delle rispettive Pinacoteche unite alle composizioni di Elgar, evidenziandone i legami con la Città di Alassio dovrebbe uscirne un gustoso racconto e soprattutto un percorso culturale intenso ed evocativo”.

Si prevedono otto visite guidate con degustazione nei mesi di giugno, luglio, agosto e settembre in orario di aperitivo serale (primo turno alle ore 18, secondo alle 20) che si concludono con il concerto su musiche di Elgar.

La cultura a 360°, quella dei percorsi museali della città, ma anche quella delle ricette della tradizione, con le Deco, la musica, la recitazione e l’arte sono gli ingredienti di un progetto che, ancora una volta, nasce da un sistema di cooperazioni: il Comune di Alassio con gli assessorati alla Cultura e al Commercio ma anche la Gesco, sempre più braccio operativo dell’amministrazione.

“Rilanciare i percorsi museali e culturali della città che hanno subito un arresto della fruizione durante l’ultimo anno – si legge tra gli obiettivi del piano presentato alla Fondazione San Paolo per partecipare al Bando Viva a sostegno all’offerta culturale estiva nei territori – valorizzare la cultura storica della città legata al ‘periodo Inglese’ e i luoghi chiave di questa epoca storica, anche attraverso la musica di Elgar, compositore che ha molto amato Alassio e la cui musica, grazie all’overture da Concerto ‘In the south (Alassio)’ Op. 50, è parte integrante del patrimonio culturale cittadino; valorizzare il patrimonio artistico e culturale (pinacoteca, libreria anglosassone tra le più ampie in Italia); e promuovere la cultura enogastronomica locale”.

Fondamentale per la messa in opera del progetto il coinvolgimento di numerose altre realtà locali: teatrali-artistiche, ma anche scolastico-professionali, giovanili e di volontariato.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.