Chiusure Covid, a Savona la manifestazione dei commercianti: "Vogliamo riaprire, le nostre attività sono in sicurezza" - IVG.it
Piazza sisto

Chiusure Covid, a Savona la manifestazione dei commercianti: “Vogliamo riaprire, le nostre attività sono in sicurezza”

Bertino: "I Ristori devono essere più sostanziosi: è impensabile che un'attività possa sopravvivere, nel periodo di chiusura, con soli 2- mila euro"

Savona. “Siamo stufi di stare chiusi. Vogliamo riaprire, le nostre attività sono in sicurezza. Non è nel nostro locale, nel nostro ristorante, nel nostro bar o nel nostro pub che le persone vengono contagiate. Le attività vengono sanificate e sono in sicurezza, perciò chiediamo di riaprire”.

Così il presidente di Fipe Savona, Pasquale Tripodoro, riassume le richieste degli imprenditori della ristorazione che, questa mattina, si sono radunati in piazza Sisto IV a Savona per partecipare alla manifestazione lanciata a livello nazionale dalla Federazione Italiana Pubblici Esercizi.

La manifestazione savonese si tiene in contemporanea con quella di Roma e che è stata promossa per chiedere direttamente al governo ed alla politica in generale, un impegno preciso: una data della ripartenza e un piano per farlo in sicurezza. “Vogliamo una data certa – ribadisce Tripodoro – Oggi riuniremo un direttivo e studieremo le prossime iniziative e le richieste da inviare al presidente della Regione Giovanni Toti affinché siano inoltrate a Roma”.

In piazza c’erano anche i rappresentanti di Confcommercio. Il presidente provinciale Vincenzo Bertino spiega: “La nostra associazione ed i nostri associati sono moderati, ma in questo contesto è difficile mantenere questa moderazione. Abbiamo voluto partecipare anche noi a questa manifestazione per sottolineare ancora una volta la necessità e l’importanza della campagna vaccinale. Solo tramite le vaccinazioni sarà possibile abbattere i contagi e, dunque, iniziare le riaperture”.

“Il Governo ci farà riaprire il più presto possibile – aggiunge – ma poi sarà necessario che lo stesso Governo, i Comuni o comunque le istituzioni riducano (e non di poco) le tasse, almeno per quest’anno. Altrimenti non si andrà da nessuna parte. Gli stessi Ristori devono essere più sostanziosi: è impensabile che un’attività possa sopravvivere, nel periodo di chiusura, con soli 2- mila euro. Bisogna fare di più”.

leggi anche
  • Per ripartire
    Ristoratori liguri di nuovo in viaggio verso Roma: “Portiamo idee, non virus”
    protesta ristoratori montecitorio
  • Gesto simbolico
    Zona rossa, un ristoratore spotornese protesta con ironia: “Riapro sotto forma di Autogrill”
    Generico aprile 2021
  • Macchia di leopardo
    Protesta dei ristoratori, risposta tiepida nel savonese: “Chiusi da mesi, ma siamo gli unici in grado di garantire la sicurezza”
    Protesta Massimo Abategiovanni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.