Confronto

Assemblea del Pd, Simone Farello resta segretario ligure: “Entro luglio il congresso”

Il documento di sfiducia non sfonda ma resta una frattura nel partito sulla decisione di non rinnovare da subito i vertici

Partito Democratico Targa

Liguria. La promessa di un congresso in estate e la ricomposizione (seppure arrivata con fatica) di una frattura. Sono questi i due “risultati” usciti dall’assemblea regionale del Partito Democratico, avvenuta in streaming con quasi 200 partecipanti.

Al centro della riunione la relazione del segretario regionale Simone Farello che ha confermato la volontà di traghettare il Pd verso il congresso per l’elezione dei nuovi vertici e che ha sottolineato la necessità di coinvolgere maggiormente gli iscritti. Per un partito che ha praticamente “inventato” le primarie ma che non ha mai smesso di prendere le decisioni in riunioni ristrette, sarebbe già una svolta.

Su un fronte opposto la fronda degli amministratori che, come fatto trapelare nei giorni scorsi, ha presentato un documento in cui chiedeva che non fosse Farello a reggere il partito fino al congresso ma si dimostrasse da subito una volontà di rinnovamento. Il documento è stato letto dall’ex presidente del municipio Centro Ovest a Genova, Franco Marenco.

A difendere il ruolo di Farello l’europarlamentare Brando Benifei, con un intervento deciso e che riflette il pensiero di quella che è comunque una fetta importante del partito, in particolare gli orlandiani e gli zingarettiani.

A raffreddare definitivamente le acque ci ha pensato Pippo Rossetti, consigliere Pd, esponente della corrente Base riformista, che ha fatto in modo che fosse ritirato l’ordine del giorno di sfiducia.

Vero che Farello rappresenta agli occhi degli iscritti le scelte (giuste? sbagliate?) che hanno portato all’esito delle regionali e all’alleanza con il Pd. Ma vero anche che – ha suggerito Rossetti – la responsabilità non è mai di un uomo solo al comando.

Entro giugno o luglio, data auspicata per il congresso, però si dovranno anche chiarire altre strategie: quelle per le amministrative di Savona e, almeno abbozzare, quelle per le comunali di Genova nel 2023.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.