Albenga, Roberto Tomatis e Bruno Robello pronti a entrare in Fratelli d’Italia - IVG.it
New entry?

Albenga, Roberto Tomatis e Bruno Robello pronti a entrare in Fratelli d’Italia

Secondo un’indiscrezione i due politici ingauni sarebbero sempre più vicini al partito di Giorgia Meloni

Incontro in Regione Roberto Tomatis

Albenga. Due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova. Appare ormai imminente e credibile il passaggio che si appresterebbe a fare il consigliere comunale (gruppo Lega) Roberto Tomatis, che a breve potrebbe fare l’annuncio del suo ingresso nelle fila del partito della Meloni. Nonostante sia molto attivo nell’attualità politica e sui media, Tomatis non avrebbe infatti avuto vita agevole nella Lega, a cui peraltro non si è mai iscritto, pur essendo stato eletto nelle sue fila alle scorse elezioni amministrative ingaune.

Si segnalano numerosi screzi con la segretaria ingauna Cristina Porro che parrebbe aver mal digerito alcuni distinguo del consigliere che si è posto più volte in maniera dissonante dalle scelte leghiste ingaune, al punto di essere più volte descritto come uno che parla a titolo personale e non a nome della Lega. Tomatis inoltre non è mai stato invitato al Tavolo degli incontri del centro destra dove ora si è aggiunto Guido Lugani, neo nominato segretario cittadino, in rappresentanza di Cambiamo, il movimento politico del governatore Giovanni Toti.

Stretto in un ruolo sempre più scomodo e nel contempo sempre più impegnato in battaglie politiche, Tomatis negli ultimi tempi appare sempre più aver trovato spazio e ascolto e forse una sua famiglia politica a cui approdare e dato sempre più in avvicinamento al partito della Meloni. Negli ultimi tempi e sempre più spesso si è incontrato con rappresentanti sia locali che regionali di Fratelli d’Italia per incontri istituzionali con il Questore e il comando provinciale dei Carabinieri per fare il punto su nuove strategie della sicurezza ad Albenga.

Non solo, Tomatis in compagnia dell’amico fraterno, socio della Taberna del Foro, Bruno Robello de Filippis, che vanta trascorsi politici nell’ex amministrazione guidata da Rosy Guarnieri, si è recato in regione una prima volta per accompagnare l’arrivo a Genova del socio della Taberna Marco Secco Sanguineti nella sua tappa ligure dove ha incontrato l’assessore regionale Gianni Berrino, per poi proseguire nel suo lungo viaggio in bicicletta verso la capitale, dove ha depositato una lunga lettera di protesta nelle mani dell’On. Lollobrigida in Parlamento.

Ed ecco che arriva l’incontro di questa mattina in regione con i vertici del partito FDI che a questo punto rappresenterebbe un ulteriore tassello di questa “marcia di avvicinamento”, prova di una vicinanza sempre più palese. Questa mattina, infatti, Tomatis e Robello de Filippis sono stati invitati ad una riunione in regione Liguria per fare un incontro e il punto sul futuro della sanità, in particolare dell’ospedale di Santa Corona e Santa Maria di Misericordia di Albenga, riunione in cui erano presenti l’assessore Gianni Berrino, il Vice responsabile della sanità nazionale Matteo Rosso, il capogruppo di FDI in regione Stefano Balleari, il coordinatore provinciale Claudio Cavallo e il presidente del circolo ingauno Roberto Crosetto.

Numerosi indizi che non possono sfuggire ad occhi attenti e prove disseminate ormai sempre più spesso che fanno presagire questa importante novità nel panorama politico del centrodestra ingauno con una composizione che si arricchirebbe della presenza del consigliere comunale Roberto Tomatis e di Bruno Robello de Filippis.

leggi anche
  • Sicurezza
    Fratelli d’Italia e Roberto Tomatis (Lega) incontrano il comandante dei carabinieri: “Ad Albenga un thriller sociale”
    Roberto Tomatis
  • Impresa
    Albenga-Roma, l’impresa di Marco Secco: la protesta de La Taberna del Foro arriva nella Capitale
    Marco Secco Taberna Foro
  • Sabato
    Albenga, Fratelli d’Italia allestisce un gazebo in piazza del Popolo
    Roberto Tomatis FdI

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.